Alessandra Viero al posto di Barbara D'Urso in Pomeriggio Cinque Cronaca. Ma solo d'estate

Se Barbara D'Urso si prende un po' di vacanza, non fa lo stesso Pomeriggio Cinque, che prosegue con una formula diversa e – naturalmente – con una conduttrice diversa: sarà, infatti, Alessandra Viero a traghettare verso la prossima stagione il pomeriggio di Canale5, con un contenitore estivo che si intitolerà Pomeriggio Cinque Cronaca.

Chi è Alessandra Viero? Nel video, la potete vedere alle prese con un Emilio Fede particolarmente difficile da gestire nel corso di un collegamento in diretta. La Viero, classe 1981, è giornalista professionista dal 2006 e conduceva Tg Belluno. Dopo l'esperienza al Tg4 è diventata uno dei volti di TgCom24.

Mauro Crippa, direttore generale dell'informazione Mediaset, in una nota, scrive:

Videonews non va in vacanza e continua a produrre programmi giornalistici anche d’estate, stavolta con un volto nuovo in conduzione: Alessandra Viero.

?

Ora, che Pomeriggio Cinque si possa definire un programma giornalistico è una cosa che fa un po' sorridere. Comunque, si prende atto e si dà conto del cambio di conduzione e di formula. Ma non temano i fan della D'Urso e non esultino troppo i suoi detrattori. La nota di Crippa, infatti, chiarisce che quella della Viero è solamente una supplenza estiva:

Barbara D’Urso, dopo nove mesi ininterrotti di lavoro, tornerà al timone del suo programma in autunno, come sempre. [...] Tutte le trasmissioni hanno una sospensione fisiologica per l’estate. E tutte le grandi reti come Canale 5 ne approfittano per sperimentare volti nuovi e nuove formule. [...] Pomeriggio Cinque Cronaca è proprio questo: un esperimento per rilanciare l’approfondimento giornalistico più popolare quando tutti tradizionalmente chiudono i battenti



In un'intervista rilasciata a Telegiornaliste nel 2006, Alessandra Viero commentava così il fatto che in molti apprezzassero la sua bella presenza:

«Certo, è importante, conta avere una buona immagine. Ma se non c’è contemporaneamente una base professionale e culturale buona non vai da nessuna parte. E soprattutto, consentimi un’espressione forte, “senza palle” non hai prospettive in questo lavoro».

Ma diceva anche, parlando del suo futuro:

«Non mi precludo nulla: amo il mondo della comunicazione e la televisione è un modo diretto ed efficace; mi piacerebbe lavorare anche per la carta stampata, in cui i tempi, rispetto alla tv, sono diversi e non stretti come quelli che impone la messa in onda del notiziario».

Invece, ora sperimenterà anche lei l'inedito ruolo nella collocazione pomeridiana della generalista ammiraglia di Mediaset.