Arrivano i Darling su Canale5: Dirty Sexy Money, che ne pensate?

Dirty sexy money
Stanno per scendere dalle loro lussuosissime limousine per tenere compagnia al pubblico di Canale5 nelle prossime 5 settimane: sono i membri della famiglia Darling, protagonisti indiscussi del nuovo telefilm "Dirty sexy money" (gallery), 10 puntate da stasera alle 21:10. A tenere testa a questa bizzarra -ma al tempo stesso ricca da far impressione- famiglia c'è Nick (Peter Krause), giovane avvocato idealista che decide di accettare di seguire le orme del padre ucciso da un incidente aereo, già avvocato dei Darling, ad una condizione: che il patriarca Tripp (Donald Sutherland) lo aiuti a capire se c'è qualche complotto dietro la morte del padre.

Ma "Dirty sexy money" si avvale anche di una schiera di personaggi di tutti i tipi, per cui avevamo già speso qualche parola. La serie è infatti già andata in onda su Sky, ed in quell'occasione ci eravamo espressi positivamente sullo show, che mescola un po' le carte tra i vari generi seriali americani, proponendo -è il caso di dirlo- di tutto un po'. Se avete già seguito le avventure dei Darling, partecipate al sondaggio: che ne pensate della prima stagione?


[le schede dei Darling]

Oltre Tripp e Nick, avremo occasione di conoscere Letitia (Jill Clayburgh), la signora Darling, ma anche i suoi 5 figli: il candidato senatore Patrick (William Baldwin), non proprio soddisfatto della sua vita; Karen (Natalie Zea), presa dai preparativi per il suo quarto matrimonio -e questo dice tutto-; Brian (Glenn Fitzgerald), sacerdote poco ortodosso con la lingua sempre avvelenata; ed i gemelli Jeremy (Seth Gabel) e Juliet (Samaire Armstrong), entrambi viziati e nullafacenti all'ennesima potenza.

Nick dovrà destreggiarsi tra i loro problemi e capricci, ma dovrà anche tenere conto della sua famiglia, composta da Lisa (Zoe McLellan) e dalla figlia Kiki (Chloe Moretz). Riuscirà nell'impresa o il "sensuale sporco denaro" dei Darling intaccherà anche la sua integrità?

Belle scenografie, attente ai dettagli, per una serie che fa sì sognare ma purtroppo risente dello sciopero degli sceneggiatori, che non ha permesso di sviluppare una trama che coinvolgesse ancora di più. Per questo, aspettiamo fiduciosi la seconda stagione, per capire meglio che direzioni verranno prese.

  • shares
  • +1
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: