Valeria Fabrizi si scusa per la gaffe a Da noi… a ruota libera (VIDEO)

Valeria Fabrizi si scusa per la gaffe comemssa a Da noi… a ruota libera. Ecco cosa è successo a Suor Costanza di Che Dio Ci Aiuti

Questa è una bellissima foto? No. Sembro una ne*ra, una ragazza di colore, non mi riconosco!“. Questa la discussa frase pronunciata da Valeria Fabrizi nella puntata di Da noi… a ruota libera, andata in onda domenica scorsa su Rai1. Una gaffe alla quale Francesca Fialdini ha tentato di porre rimedio prontamente, precisando che “sarebbe una bellissima versione di te“. E che ha provocato, inevitabilmente, polemiche sui social.

A tal punto che pochi minuti fa la stessa Valeria Fabrizi, 85 anni ad ottobre prossimo, su Instagram ha postato un messaggio di scuse, dicendosi molto addolorata per lo “scivolone” di cui si è resa protagonista in tv:

Sono molto addolorata. Il colore della pelle per me è indifferente e chi mi conosce sa che scelgo le persone per il loro cuore.È stato uno scivolone involontario che non fa parte della mia anima. Un’espressione infelice che non si deve ripetere. Mi scuso con tutti… vi abbraccio sempre con affetto.

La mitica Suor Costanza di Che Dio Ci Aiuti è incappata in una gaffe simile a quella che recentemente ha coinvolto Fausto Leali, addirittura squalificato dal Grande Fratello Vip aver apostrofato Enock Barwuah, il fratello di Balotelli, con la N-Word. In entrambi i casi, sia in quello di Valeria Fabrizi sia in quello di Fausto Leali, si è trattato evidentemente di inciampi involontari dovuti ad un modo di esprimersi che nel tempo si è mutato più che ad una deliberata volontà di offendere o infastidire terze persone.

Peraltro, la Fabrizi ha usato in modo incauto l’espressione ‘incriminata’ commentando uno scatto fotografico in cui venne ritratta con il compianto marito Tata Giacobetti, storico componente del Quartetto Cetra. Insomma, Suor Costanza sei pienamente assolta!

https://www.instagram.com/valeria_fabrizi_officialpage/?hl=it

Ultime notizie su Francesca Fialdini

Tutto su Francesca Fialdini →