Supernanny, il ritorno (atteso) di Tata Lucia

Al via su Nove Supernanny, versione italiana di un format di successo: ma noi possiamo contare su una fuoriclasse del genere come Tata Lucia.

Tata Lucia torna in tv e non ce n’è per nessuno: dopo anni di attesa, la (vera) protagonista di un piccolo cult come SOS Tata torna sul piccolo schermo con Supernanny, in onda sul Nove dal 25 aprile alle 21:25. Si tratta dell’adattamento di un format internazionale prodotto per il nostro paese da Blu Yazmine per Discovery Italia e la scelta non poteva che cadere su tata Lucia Rizzi, volto indimenticato di una perla – soprattutto nelle sue prima edizioni – del già citato SOS Tata.

Il modello narrativo non cambia molto, almeno sulla carta: coppie di genitori in difficoltà chiedono l’aiuto della supernanny che li raggiunge un po’ lungo tutto lo Stivale. Dopo un primo giorno di muta e attenta osservazione, Tata Lucia inizia a dettare regole di comportamento e abitudini di relazione soprattutto agli adulti perché riescano poi a gestire al meglio bambini spesso lasciati troppo liberi, talvolta troppo disabituati ai no, talvolta figli della stanchezza e di ritmi difficili da gestire. E vedremo se e come la gestione in pandemia, tra DAD e smart working, avrà un suo spazio.

A prescindere da questo, come già in SOS Tata la risoluzione del caso di puntata ha soprattutto il valore e la funzione di  offrire consigli ai telespettatori, o almeno a chi tra loro avrà la voglia e l’umiltà (non scontata) di ascoltarli: tecniche educative, suggerimenti sulle dinamiche tra adulti, elementi minimi di rispetto reciproco, giochi di famiglia e nuove regole sono in genere le armi vincenti di Tata Lucia, sempre pronta a ogni prova di sfida.

Supernanny si compone di 8 puntate da un’ora ciascuna ed è disponibile on demand su Discovery+.