La Legge di Lidia Poët, la serie tv su Netflix: uscita, cast, trama, trailer, la storia vera e location

Lidia Poët combatte per tutta la sua vita per vedere riconosciuto il diritto di essere inserita nell’Ordine degli avvocati: la storia della prima avvocata italiana diventa una serie tv

Realizzare un legal drama riletto in chiave “light”, con un’ambientazione storica e, sopratutto, tutta italiana. È l’ambizione de La Legge di Lidia Poët, la nuova serie tv originale italiana di Netflix, che vede protagonista di una serie tv Matilda De Angelis, che torna così sul piccolo schermo con un personaggio realmente esistito, ovvero la prima donna ad entrare nell’Ordine degli Avvocati. Curiosi di saperne di più? Proseguite nella lettura!

La Legge di Lidia Poët, il trailer

Ecco il teaser trailer della serie:

La Legge di Lidia Poët, uscita

Quando esce la serie tv su Netflix Italia? La piattaforma ha annunciato l’uscita della prima stagione della serie per mercoledì 15 febbraio 2023, quando tutti gli episodi saranno disponibili sulla piattaforma. L’orario di uscita è previsto per le 09:00.

La Legge di Lidia Poët, la trama

Torino, fine 1800. Una sentenza della Corte d’Appello di Torino dichiara illegittima l’iscrizione di Lidia Poët (De Angelis) all’albo degli avvocati, impedendole così di esercitare la professione solo perché donna. Senza un quattrino ma piena di orgoglio, Lidia trova un lavoro presso lo studio legale del fratello Enrico (Pier Luigi Pasino), mentre prepara il ricorso per ribaltare le conclusioni della Corte.

Attraverso uno sguardo che va oltre il suo tempo, Lidia assiste gli indagati ricercando la verità dietro le apparenze e i pregiudizi. Jacopo, un misterioso giornalista e cognato di Lidia, le passa informazioni e la guida nei mondi nascosti di una Torino magniloquente. La serie rilegge in chiave light procedural la storia vera di Lidia Poët, la prima avvocata d’Italia.

La Legge di Lidia Poët, quante puntate sono?

In tutto, gli episodi della prima stagione della serie sono sei, ciascuno della durata di circa 50 minuti. Netflix li rende disponibili tutti insieme a partire da mercoledì 15 febbraio.

La Legge di Lidia Poët, il cast

Nei panni della protagonista troviamo Matilda De Angelis che, dopo aver recitato in tv in Tutto Può Succedere, ha trovato l’exploit a livello internazionale nella serie tv The Undoing-Le verità non dette, ma ha anche recitato in Leonardo e, più di recente, è comparsa in una puntata di Call My Agent Italia nei panni di se stessa.

Matilda De Angelis è Lidia Poët, la protagonista, prima donna ad entrare nell’Ordine degli avvocati italiani;
Pier Luigi Pasino è Enrico Poet, fratello di Lidia, anche lui avvocato, che accoglie Lidia nel suo studio legale, mentre lei combatte contro l’esclusione dall’Ordine;
Eduardo Scarpetta Jacopo Barberis, giornalista;
Sara Lazzaro è Teresa Barberis, moglie di Enrico;
Sinéad Thornhill è Marianna Poët, figlia di Enrico e Teresa;
Dario Aita è Andrea Caracciolo.

La Legge di Lidia Poët, regista e sceneggiatori

Dietro la macchina da presa della serie ci sono Matteo Rovere (“Il primo re”, “Romulus”) e Letizia Lamartire (“Il divin codino”, Baby). La serie è stata creata da Guido Iuculano (Romulus, Tutto può succedere) e Davide Orsini (Generazione 56K), che sono anche sceneggiatori con Elisa Dondi, Daniela Gambaro (Volevo fare la rockstar, Summertime) e Paolo Piccirillo (Blocco 181). A produrre, invece, Groenlandia, casa di produzione di Rovere e Sydney Sibilia.

Chi era Lidia Poët? La storia vera

Lidia Poët

Il personaggio di Lidia Poët è esistito veramente. Nata a Torino nel 1855, dopo aver studiato per diventare maestra proseguì gli studi, diplomandosi al liceo Beccaria di Mondovì e poi iscrivendosi a Legge a Torino. Si laureò nel 1881 con una tesi sulla condizione femminile nella società e sul diritto di voto per le donne.

Nel 1883, dopo il praticantato, ottenne la licenza di avvocato, diventando la prima donna italiana ad averla. Nello stesso anno, però, la licenza le fu revocata dalla Corte di Appello, su richiesta del procuratore generale del Regno, secondo cui l’avvocatura faceva parte degli uffici pubblici, da cui le donne erano escluse. Da lì è iniziata la battaglia di Poët, che accese un intenso dibattito in Italia ma anche all’estero.

Solo nel 1919, con la legge Sacchi, che abolì l’autorizzazione maritale e autorizzò le donne a entrare nei pubblici uffici (tranne che nella magistratura, nella politica e nei ruoli militari), Lidia Poêt fu considerata ufficialmente avvocata. Aveva 65 anni e da tempo lavorava a fianco del fratello Enrico. Morì nel 1949 e fu sepolta nel cimitero di nel cimitero di San Martino (Perrero), in Val Germanasca, dove era cresciuta.

La Legge di Lidia Poët, dov’è stato girato?

La serie tv è stata interamente girata a Torino, città in cui si sono svolte le vicende realmente accadute della protagonista. Il set è stato allestito tra settembre e dicembre 2021.

La Legge di Lidia Poët su Netflix

È possibile vedere La Legge di Lidia Poët solo su Netflix: è quindi necessario avere un abbonamento alla piattaforma. Ci si può abbonare all’abbonamento Base con pubblicità (5,49 euro al mese), Base (7,99 euro al mese), Standard (12,99 euro al mese) e Premium (17,99 euro al mese).