Anni 60 e il caos palinsesti: in onda in contemporanea su Rete 4 e Mediaset Extra

Anni 60 trasmesso in contemporanea da Rete 4 e Mediaset Extra. Era accaduto anche con Anni 50. E’ solo un esempio del caos palinsesti estivo

C’è Anni 60 su Rete 4, c’è Anni 60 su Mediaset Extra. Nello stesso giorno, alla stessa ora. Accade anche questo in questa calda estate dove le proposte latitano e persino la scelta delle repliche fatica ad essere originale.

Sabato scorso, attorno alle 16, gli spettatori avrebbero potuto fare zapping da una rete all’altra per assistere alla medesima offerta, saltando a malapena qualche ora di trama.

Se su Rete 4 la serie diretta da Carlo Vanzina, con Ezio Greggio e Jerry Calà, viene mandata per singoli episodi, su Extra si opta per il blocco unico no-stop. Era accaduto in precedenza anche con Anni 50, con il risultato del doppione che pure qui non era stato evitato.

Un altro ‘titolo’ assai battuto in questa fase è quello de I Cesaroni, in onda su Canale 5 dopo l’una di notte e sempre su Extra nel primo pomeriggio. In entrambi i casi si tratta della copertura della seconda stagione, con pochissime puntate di divario tra un canale e l’altro. Il fatto di non essere nella medesima fascia alleggerisce, perlomeno, l’effetto duplicato.

Gli esempi si sprecano e, in tal senso, solo un anno fa parlammo delle quattro reti Mediaset che rispolverarono Distretto di Polizia: ottava stagione su Canale 5, quarta su Top Crime, quinta su Iris e di nuovo ottava su Rete 4. Tutto nel giro di pochissime ore.

La spiegazione di una programmazione così caotica si fatica ad individuarla. Oltre al mancato coordinamento tra reti della medesima ‘famiglia’, a stupire è al contempo l’incapacità di pensare alle esigenze di chi guarda e di pescare nelle teche altre serie di casa, magari meno popolari.

Lecito porsi delle domande: le reti del medesimo marchio devono arrivare ad una sorta di collaborazione sul fronte delle repliche, o generaliste e tematiche viaggiano su binari autonomi? Certo è che non ha troppo senso continuare a moltiplicare i contenitori, se poi il contenuto all’interno è sempre quello.