• Tv

Ricky Gervais suscita polemiche ai Golden Globe e sarà ancora David Brent (in The Office U.S.)

In questi giorni Ricky Gervais è nell’occhio del ciclone, per via della sua conduzione dei Golden Globes di domenica scorsa. Certo, quando chiami a condurre una cerimonia prestigiosa un comico che non le manda a dire, sai che rischi. Ma forse gli organizzatori della serata non si aspettavano tutto questo caos. Gervais, durante lo show,

In questi giorni Ricky Gervais è nell’occhio del ciclone, per via della sua conduzione dei Golden Globes di domenica scorsa. Certo, quando chiami a condurre una cerimonia prestigiosa un comico che non le manda a dire, sai che rischi. Ma forse gli organizzatori della serata non si aspettavano tutto questo caos.

Gervais, durante lo show, si è divertito a fare una serie di battute riferite ai suoi colleghi attori ed al mondo dello spettacolo. Ad esempio ha detto:

“Parlando di Walking Dead, congratulazioni ad Hugh Hefner, che all’età di 84 anni si sposa con la bella 24enne Crystal Harris. Quando le hanno chiesto perchè lo volesse sposare, ha risposto ‘Mente sulla sua età, ha 94 anni‘”;

“E’ stato un grande anno per i film in 3D: Toy Story, Cattivissimo Me, Tron. Sembra che quest’anno tutto abbia tre dimensioni. Eccetto i protagonisti di The Tourist”;

“Tra poco faremo festa tutta la notte bevendo abbondantemente: o come dice Charlie Sheen, faremo colazione”;

“Tra poco, Eva Longoria avrà lo scoraggiante compito di presentare il presidente della Hollywood Foreign Press (che assegna i Golden Globes, ndr). Non è nulla, io ho dovuto aiutarlo ad uscire dal bagno ed a rimettersi la dentiera”;

Battute (ce ne sono molte altre) che non sono piaciute a gran parte degli attori e della stampa presente alla cerimonia, che ha minacciato di non nominare più Gervais ai prossimi Golden Globes. Lui, d’altra parte, cerca di difendersi ringraziando chi si è messo dalla sua parte e sostenendo di non essere “impazzito”. Ha semplicemente, aggiungiamo noi, fatto il suo lavoro di comico.

Lo stesso lavoro che farà nella puntata di “The Office” del 27 gennaio, nella quale Gervais riprenderà il ruolo di David Brent, protagonista della versione britannica della serie, trasmessa fino al 2003 e da cui prende ispirazione lo show americano. Sarà un’occasione imperdibile, per i fan, di vedere insieme Gervais e Steve Carell (interprete di Michael Scott, corrispettivo americano di Brent), anche se si tratterà di un semplice cameo.

La Nbc voleva tenere nascosta la notizia, tanto da aver effettuato le riprese tempo fa, per fare ai telespettatori una sorpresa che, evidentemente, non è riuscita. E’ la prima volta che l’attore compare nella versione americana della serie che ha creato lui stesso, anche se ne è produttore e ne ha scritto un episodio in passato.

E’ anche, questo, un bel modo per salutare Carell, che ha annunciato di lasciare la serie prima che la stagione finisca. E proprio a proposito di Carell, Gervais ai Golden Globes l’ha presentato così:

“E’ un attore che lavora a cottimo, la sua carriera non sarebbe andata così bene se io fossi stato del tutto onesto e lo scelsi per uno show chiamato The Office. Ora se ne va, uccidendo una gallina dalle uova d’oro per entrambi. Date il benvenuto alla meravigliosa Tina Fey ed all’ingrato Steve Carell!”

[Foto da TvLine]

I Video di TvBlog