• Tv

Auditel Rewind – 1983

Il 5 gennaio 1983 l’editore Rusconi getta la spugna e vende a Silvio Berlusconi Italia1, il costo dell’operazione si aggira attorno ai 35 miliardi di lire. Aumenta il consumo televisivo in Italia si passa dai 12.800.000 telespettatori che vedono mediamente i programmi televisivi (12:30-23:30) del 1981, ai 15.400.000 del 1983. C’è un’erosione dell’ascolto Rai da

di Hit



Il 5 gennaio 1983 l’editore Rusconi getta la spugna e vende a Silvio Berlusconi Italia1, il costo dell’operazione si aggira attorno ai 35 miliardi di lire. Aumenta il consumo televisivo in Italia si passa dai 12.800.000 telespettatori che vedono mediamente i programmi televisivi (12:30-23:30) del 1981, ai 15.400.000 del 1983. C’è un’erosione dell’ascolto Rai da parte delle tv commercialei, la quota della televisione pubblica è attorno al 44%. A maggio Canale5 raggiunge il 13% dell’ascolto globale e la sua concessionaria di pubblicità Publitalia ’80 raggiunge il tetto dei 504 milioni superando la Sipra. Vediamo ora la nostra top ten dei 10 programmi televisivi più visti del 1983. Al decimo posto troviamo la telecronaca diretta dell’incontro di calcio fra Svezia ed Italia, trasmesso il 29 maggio con 16.900.000 telespettatori.

Nono posto per un’altra telecronaca diretta di un incontro di calcio si tratta di Italia-Grecia del 5 ottobre con 17.600.000 telespettatori. Ottavo posto per la telecronaca diretta dell’incontro di calcio della coppa dei campioni fra Juventus ed Aston Villa, trasmesso dalla rete 2 il 16 marzo con 17.700.000 telespettatori. Settimo posto per “Portobello” il mercatino del venerdì della rete 2 condotto da Enzo Tortora con una media di 18.900.000 telespettatori. Quella del 1983 fu l’ultima edizione di Portobello prima della vicenda giudiziaria che vide coinvolto Tortora e dalla quale fu completamente assolto anni dopo, macchiando però per sempre la sua vita e praticamente uccidendolo, con il cancro che lo stroncò nel 1988, subito dopo aver rimesso in scena il suo “Portobello” con la celebre frase da lui pronunciata che aprì la prima puntata di quell’ultima edizione “Dunque dove eravamo rimasti…”.

Sesto e quinto posto occupati da due telecronache dirette di altrettanti incontri di calcio, si tratta delle due semifinali in coppa dei campioni della Juventus contro i polacchi del Widzew Lodz, rispettivamente con 20.100.000 telespettatori per l’andata e 22.200.000 per il ritorno. Quarto posto per la serata finale dell’edizione numero 33 del festival di Sanremo con 22.300.000 telespettatori, mentre sul podio al terzo posto si piazza la finale della coppa dei campioni di calcio giocata ad Atene e purtroppo persa dalla Juventus contro l’Amburgo che fece registrare 23.300.000 telespettatori. Secondo posto per il kollossal di Giuliano Montaldo “Marco Polo” con 24.100.000 telespettaori. Per vedere quale è stato il programma televisivo più visto del 1983 non resta che cliccare sul continua.

Al primo posto della nostra top ten audience dei dieci programmi più visti del 1983 c’è la serata finale del 6 gennaio dell’edizione numero 3 di “Fantastico” lo spettacolo abbinato alla lotteria Italia diretto da Enzo Trapani e condotto da Corrado, con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero che totalizzò 27.400.000 telespettatori.

[Dati tratti da “Storia della tv italiana” Garzanti]

La sigla di apertura di Fantastico 3 “Ballo Ballo” di Raffaella Carrà :