Amici 19, Javier contro il programma: "È una scuoletta, non vale niente: c'è un ballerino uscito da qui con una carriera?"

Il ballerino, richiamato per la sua indisciplinatezza, scredita insegnanti, coreografi ed ex-concorrenti: "Non si balla niente di un certo spessore"

Saranno famosi, ma se già lo sono - o tali si sentono -, sottostare alle regole di un programma televisivo come Amici, che mima per giunta un'accademia, può diventare difficile. Nell'anno in cui si è tentato di ridare lustro alle dinamiche della didattica, tra registri e lezioni teoriche, in quella che è di fatto la scuola per talenti di maggior successo in televisione, c'era da aspettarselo: qualcuno ha perso la brocca, non riconoscendo alla trasmissione quel ruolo formativo che per decenni ha mantenuto nella cultura popolare italiana. Quel qualcuno è il ballerino Javier Rojas, fortemente voluto dalla professoressa Alessandra Celentano per il suo indiscutibile talento nella danza.

Un curriculum di tutto rispetto, ricco di numerose esperienze professionali in giro per il mondo, che tuttavia non hanno impedito al ballerino di mettersi in gioco nella classe di danza del talent show di Canale 5, composta anche da artisti meno formati di lui. Un professionista, dunque, che ha fatto fatica a rinunciare alle sue abitudini e alla sua autonomia nel corso delle settimane di lezione. Dopo molteplici richiami da parte della produzione per la sua indisciplinatezza e incapacità di rispettare il regolamento comune, Javier ha deciso di sfogarsi contro l'intera macchina produttiva, come si è visto nelle immagini del daytime di oggi, screditando la trasmissione e coloro che vi hanno partecipato negli anni, e minacciando di andarsene:

Me ne vado, vado via da qui. Questa non è una scuola, è una scuoletta, ho lasciato la mia carriera professionale per questo. C’è stato forse un ballerino che è uscito da Amici e ha una carriera professionale? In Italia ci sono tanti ballerini bravi, non so perché nessuno faccia Amici. Perché tutti sanno che non vale niente. Parla a qualcuno di Amici, vedi cosa ti dicono. Il direttore della mia compagnia, Nicolas Le Riche, mi ha detto perplesso “ma come ad Amici?”. E io invece ho detto, sì, vado a fare Amici. Perché è vero, è un altro mondo. Me ne vado, ovunque sia: Germania, Birmingham, ho dei posti dove mi vogliono. Qua non si balla niente di un certo spessore, non c'è un coreografo con le palle.

Javier, dopo aver scaraventato scarpe e divisa addosso al muro come segno di ulteriore disprezzo, ha perfino rinunciato ad incontrare Maria De Filippi per un chiarimento fulmineo e discutere della sua permanenza in gara. La resa dei conti, preceduta da qualche telefonata del ballerino ad alcune compagnie di danza potenzialmente interessate alla sua arte, potrebbe però arrivare domani, nell'inevitabile speciale pomeridiano del sabato. Il vaso di Pandora è stato scoperchiato, con un colpo di jeté.

  • shares
  • Mail