Sanremo Giovani 2019, Amadeus, di tutto e di più: entusiasmo, onnipresenza, ansia da prestazione…

L’edizione 2019 di Sanremo Giovani e la recensione.

Amadeus, questa sera, alla conduzione dell’edizione 2019 di Sanremo Giovani, manifestazione passata quasi inosservata nelle ultime due edizioni al punto da farla apparire quasi come un antipasto inessenziale del Festival ma che, ormai, sembra essere diventata una tradizione irrevocabile, se l’è goduta, giustamente, com’è suo solito fare in tutti i suoi impegni televisivi, nei quali il conduttore mescola professionalità e sano divertimento personale.

E’ importante ribadire che il Festival di Sanremo è, per il conduttore ravennate, il giusto coronamento di una carriera onesta: nessun ripensamento.

E’ altrettanto giusto, però, sottolineare che l’ansia di prestazione di Amadeus, questa sera, si è avvertita già all’inizio, nella decisione di puntare su un’anteprima e su una partenza di serata molto rumorosa, “caciarona”, al fine di dare sprint ad una manifestazione che, così tanta esasperazione dei toni, alla fine, non necessitava.

Da questi particolari, dalla gag del pulmino fino ad arrivare alla presentazione dei giurati in stile incontro di boxe con microfono dall’alto, Amadeus ha fatto denotare la volontà di imporre la propria personalità, finendo, però, per ostentarla o per sovraesporla inutilmente, temendo, quasi inconsciamente, un confronto con i suoi ingombranti predecessori, molti di essi presenti, appunto, al Teatro del Casinò di Sanremo, quasi per dare inutilmente manforte al conduttore.

Il grido di battaglia di Pippo Baudo (“Vai Amadeus, sei forte!”), da interpretare come la carezza affettuosa di un vecchio zio ovviamente, è apparso involontariamente come un ulteriore segnale di un timore che Amadeus non deve assolutamente avvertire: Amadeus ha personalità e il suo Sanremo andrà bene. C’è il rischio di fare una figuraccia a posteriori o di apparire come dei menagrami ma non c’è davvero alcuna motivazione concreta per la quale questo Sanremo VentiVenti debba essere un flop…

Anche l’idea di impostare questa serata di Sanremo Giovani 2019 al servizio di un amarcord dedicato ai 5 super-giurati è da decodificare come una sorta di rito benaugurante che Amadeus ha voluto impartire a se stesso, sperando che i Sanremo condotti con fortuna da Baudo, Conti, Clerici e Chiambretti possano provocare un osmosi televisiva dalla quale Amadeus ha potuto assorbire le vibrazioni positive dei loro successi passati.

Lo ripetiamo, non ce n’era bisogno anche se, poi, rivedere spezzoni sanremesi del passato e assistere a standing ovation doverose a colossi della televisione, ovviamente, fa sempre piacere.

Anche il rischio di sovraesposizione televisiva o di onnipresenza, comunque, si rivelerà un fattore aleatorio per Amadeus: certo, anche Carlo Conti, in passato, ha condotto Sanremo Giovani e anche Carlo Conti, sempre per fare un parallelo, ha avuto un impegno televisivo quotidiano prima del Festival, ma l’imminente appuntamento con L’anno che verrà, ad esempio, poteva essere evitato al fine di preservare l’effetto curiosità sul prossimo Festival, per quanto riguarda strettamente il padrone di casa. Da questo punto di vista, infatti, gli ospiti annunciati fino ad ora scongiurano questo rischio.

Resta il fatto, però, che c’è la probabilità che, sul palco del Teatro Ariston di Sanremo, Amadeus possa commettere lo stesso errore visto stasera ossia strafare nel tentativo di mostrare quel qualcosa in più che nessuno gli chiede e che, per il quale, non deve andare in paranoia.

Questo è quanto.

Musicalmente, infine, la riuscita dell’edizione 2019 di Sanremo Giovani verrà certificata solo dal tempo: Fasma e gli Eugenio in Via di Gioia si candidano a fare il grande passo da emergenti ad artisti affermati. Ogni paragone, però, con le edizioni passate è inutilmente nostalgico, ora come ora.

La formula dei duelli è penalizzante perché si rischia, appunto, di penalizzare artisti “forti” e di favorire quelli più “deboli”: una formula che, con i Big, nessuno si azzarderebbe a mettere in atto perché nessun Big in Italia si presterebbe a questo gioco al massacro. Sarebbe opportuno evitarlo anche ai giovani, in futuro.

  • 21:35

    Inizio trasmissione. La serata finale di Sanremo Giovani comincia con Amadeus che, a bordo di un pulmino, fa scendere tutti i super-giurati, dimenticandosi di Pippo Baudo!

  • 21:45

    Dopo l’anteprima, Amadeus apre la serata sul palco del Teatro Casinò di Sanremo. Amadeus, rivolgendosi ai giornalisti presenti tra il pubblico, afferma che, durante la serata, darà una notizia importante. Il conduttore presenta i super-giurati come se fosse un ring announcer.

  • 21:50

    I super-giurati, Carlo Conti, Antonella Clerici, Piero Chiambretti, Gigi D’Alessio e Pippo Baudo, fanno il loro ingresso. Pippo Baudo: “Amadeus, andrai benissimo! Viva Amadeus!”. Amadeus annuncia il primo dei cinque duelli musicali: Thomas vs Leo Gassmann, due volti già noti a chi segue i talent.

  • 21:54

    Video di presentazione per Thomas, ex Amici. Nel video, nessun riferimento al talent show di Maria De Filippi. La canzone di Thomas si intitola Ne80. La canzone, un brano pop con influenze r&b, ha un ritornello che rimane impresso.

  • 21:59

    Video di presentazione per Leo Gassmann, ex X Factor. E nel video, nessun riferimento al talent show di Sky. La canzone di Leo Gassmann si intitola Vai bene così. Interpretazione particolare, canzone, nel suo piccolo, anche coraggiosa…

  • 22:05

    Stop al televoto per questo primo duello. Piero Chiambretti prende la parola e ironizza sulla polemica riguardante la giuria “troppo anziana”. Chiambretti: “Se uno di noi dovesse morire durante la serata, che lo facesse durante la pubblicità!”. La giuria procede con i voti e premia Gassmann.

  • 22:10

    Ci sono, però, altri tre punti da assegnare: la giuria demoscopica, la commissione musicale e il televoto. Il voto della commissione va a Gassmann mentre il voto della demoscopica va a Thomas. Il televoto, infine, ha premiato Thomas. E’ 2-2. La palla ritorna alla super-giuria che, in precedenza, aveva premiato Gassmann. Di conseguenza, la giuria premia di nuovo Gassmann. Leo Gassmann parteciperà al Festival di Sanremo 2020, giustamente.

  • 22:15

    Amadeus ricorda che Sanremo Giovani è stato inventato da Pippo Baudo. Quest’ultimo ricorda i talenti nati grazie a Sanremo Giovani: Eros Ramazzotti e Andrea Bocelli su tutti.

  • 22:20

    Chiambretti ricorda i suoi 3 Sanremo: “Ho fatto anche quello con la Carrà che, però, non è omologato come alcuni scudetti della Juve”. Va in onda anche un breve ricordo ad Alex Baroni. Il Sanremo di Bonolis-Clerici, invece, lanciò i Negramaro. Clerici: “I Negramaro furono eliminati, fu una cosa clamorosa”. Conti elenca tutti i cantanti che ha lanciato con i suoi Sanremo.

  • 22:25

    Secondo duello: i Réclame contro Fadi. Video di presentazione per i Réclame, band di Roma. Amadeus riceve complimenti da Baudo per la formula dei duelli che, invece, oggettivamente, è penalizzante.

  • 22:35

    I Réclame si esibiscono dopo la réclame… La band è una proposta interessante, la canzone Il viaggio di ritorno ha echi “battiatiani”, a cui si ispirano chiaramente. Bravi.

  • 22:40

    Fadi, invece, si esibisce con la canzone Due noi. Pezzo acustico alla Ed Sheeran. Canzone molto melodica, carina. Esibizione, forse, troppo enfatica.

  • 22:45

    Si procede con l’assegnazione dei punti: il punto della super-giuria va a Fadi, il punto della demoscopica va ai Réclame, il punto della commissione va a Fadi. Il televoto manda Fadi al Festival di Sanremo 2020. Peccato per i Réclame…

  • 22:50

    Si procede con un nuovo giro di ricordi tra Amadeus e la super-giuria. Baudo ricorda il suo primo Sanremo e ricorda anche il suo incontro spiacevole con un dirigente Rai dell’epoca che gli mise una pressione incredibile: “Mi disse ‘Lei stasera si gioca tutta la carriera!'”. Chiambretti, invece, ricorda “l’invasione degli ultra-Baudi” a Sanremo 2008.

  • 23:00

    La terza sfida è la seguente: Shari vs Marco Sentieri. Shari ha 17 anni e si esibisce al piano con la canzone Stella. Timbro fin troppo particolare, interpretazione che penalizza un po’ la comprensione del testo. E’ una buona canzone, comunque.

  • 23:05

    Marco Sentieri propone la canzone Billy Blu, brano che tratta il tema del bullismo. E’ praticamente un brano recitato più che cantato. E’ la canzone più debole ascoltata fino ad ora…

  • 23:12

    In giuria, si “lamentano” per questo abbinamento. Si procede con l’assegnazione dei punti: nella super-giuria, abbondano i 10, sia da una parte che dall’altra. Dopo il voto dei giurati, è 1-1. La demoscopica sceglie Sentieri mentre la commissione premia Shari. Decide il televoto: Marco Sentieri va al Festival di Sanremo 2020.

  • 23:18

    Nuovo giro di ricordi: Antonella Clerici ricorda la sua esibizione canora stonatissima davanti a Hugh Grant. Conti, invece, ricorda l'”anestetico” di Arisa al Sanremo 2015.

  • 23:25

    La quarta sfida è Jefeo, ex Amici, contro Fasma. Jefeo esegue Un due tre stella, brano che ricorda lo stile di Sfera Ebbasta. Tanto autotune…

  • 23:30

    Fasma, cantautore/rapper romano, si esibisce con la canzone Per sentirmi vivo. C’è un po’ di Ultimo, un po’ di Fabrizio Moro… Il pubblico presente al teatro gradisce molto.

  • 23:34

    Fasma vince facile e va al Festival di Sanremo 2020, sezione Nuove Proposte, che molto probabilmente vincerà… Gigi D’Alessio consiglia a Fasma di usare meno l’autotune.

  • 23:38

    Tra le nuove proposte, ci sarà anche Tecla Insolia, vincitrice di Sanremo Young: rivediamo la sua premiazione nel programma condotto dalla Clerici. Tecla si esibisce con la canzone 8 Marzo.

  • 23:48

    Pippo Baudo ricorda l’invasione di Cavallo Pazzo e la minaccia di suicidio. Dopo il filmato, Baudo riceve una standing ovation. Poco dopo, va in onda un altro filmato dedicato a Fiorello e Benigni. Amadeus: “Pippo, io sono preoccupato. Devo andare sul palco con la conchiglia?”. Baudo: “Sarai palpeggiato anche tu!”.

  • 23:54

    Gli Eugenio in Via di Gioia contro Avincola è la quinta e ultima sfida. Gli Eugenio in Via di Gioia eseguono Tsunami. C’è un qualcosa di Lo Stato Sociale in questo gruppo… Il pubblico si alza in piedi, batte le mani e sembra apprezzare molto. C’è già un vincitore, praticamente…

  • 23:58

    Avincola canta la canzone Rider, canzone dedicata alla precarietà in generale, in amore e nel lavoro. Qui siamo sul cantautorato “indie pop” che va tanto di moda oggigiorno… La canzone è carina.

  • 00:04

    La vittoria degli Eugenio in Via di Gioia non è stata così scontata, arrivata solo grazie al televoto. E’ un peccato, però, per Avincola… Come detto in precedenza, la formula dei duelli è penalizzante.

  • 00:08

    Gigi D’Alessio ricorda i suoi 5 Sanremo da big in gara.

  • 00:22

    Amadeus annuncia i due vincitori di Area Sanremo che vanno ad aggiungersi ai 5 giovani che hanno vinto i duelli di stasera e a Tecla Insolia. Il primo vincitore di Area Sanremo annunciato da Amadeus è Matteo Faustini.

  • 00:24

    Matteo Faustini si esibisce con Nel bene e nel male e festeggia, abbracciando Amadeus. Canzone molto romantica.

  • 00:26

    Rivediamo il momento in cui Chiambretti si “sposò” con Valeria Marini sul palco del Teatro Ariston.

  • 00:35

    Il secondo artista di Area Sanremo ad accedere alla categoria Nuove Proposte è il duo composto da Gabriella Martinelli e Lula. La canzone è Il gigante d’acciaio, brano di indubbia personalità anche se i brani dal contenuto sociale stanno stancando un po’…

  • 00:36

    Sanremo Giovani 2019 termina qui. Fine trasmissione.

Sanremo Giovani 2019 è una manifestazione musicale che andrà in onda su Rai 1, dalle ore 21:30, questa sera, giovedì 19 dicembre 2019, e che sarà condotta da Amadeus.

Sanremo Giovani 2019: la serata

Questa sera, andrà in onda l’edizione 2019 di Sanremo Giovani, la manifestazione musicale che metterà in palio, per 5 giovani artisti, la possibilità di esibirsi sul palcoscenico del Teatro Ariston durante la 70esima edizione del Festival di Sanremo, nella sezione Nuove Proposte.

La serata sarà condotta da Amadeus che sarà anche il conduttore della 70esima edizione della kermesse sanremese.

La super-giuria, che, con i suoi voti, contribuirà all’esito finale, sarà formata da Pippo Baudo, Carlo Conti, Antonella Clerici, Piero Chiambretti e Gigi D’Alessio. Il voto dei super-giurati si sommerà a quelli della Giuria Demoscopica, della Commissione Musicale (presieduta da Amadeus) e del Televoto.

I concorrenti saranno 10: dai 5 duelli, usciranno le 5 Nuove Proposte che andranno ad aggiungersi ai 2 vincitori di Area Sanremo e alla vincitrice di Sanremo Young, Tecla Insolia.

Gli artisti in gara, con le rispettive canzoni, sono i seguenti: Avincola (Un rider), Eugenio in Via di Gioia (Tsunami), Fadi (Due noi), Fasma (Per sentirmi vivo), Leo Gassmann (Va bene così), Jefeo (Un due tre stella), Réclame (Il viaggio di ritorno), Marco Sentieri (Billy Blu), Shari (Stella) e Thomas (Ne80).

Sanremo Giovani 2019: dove vederlo

Sanremo Giovani 2019 andrà in onda questa sera, a partire dalle ore 21:30, su Rai 1.

L’evento musicale sarà visibile anche in streaming su Rai Play e sarà disponibile anche in diretta radiofonica, su Rai Radio 2.

Successivamente, l’evento sarà disponibile per intero sempre sul sito Rai Play, nella sezione Guida Tv/Replay.

Sanremo Giovani 2019: Second Screen

Sanremo Giovani 2019 si può trovare sul web con una sezione a parte sul sito di Rai Play.

Sanremo Giovani è presente anche su Facebook con la pagina ufficiale del Festival di Sanremo.

Anche su Twitter, Sanremo Giovani è presente con l’account ufficiale del Festival di Sanremo: @SanremoRai. Gli hashtag ufficiali della manifestazione sono i seguenti: #sanremogiovani e #sanremo2020.

Sanremo Giovani si può trovare anche su Instagram con il profilo ufficiale del Festival di Sanremo.

Per quanto riguarda il liveblogging, infine, Sanremo Giovani 2019 sarà disponibile su TvBlog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:30.

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Festival di Sanremo

ll Festival di Sanremo, anche conosciuto come il festival della canzone italiana, è un evento musicale e di costume nato nel 1951, approdato in TV nel 1955.

Tutto su Festival di Sanremo →