Presunto stupro al Gran Hermano, 41 sponsor in fuga

Nel 2017 il concorrente Josè Maria Lopez è stato allontanato dal reality show senza spiegazioni. La vittima, Carlota Prado, aveva chiesto di uscire dalla casa ma le erano stati offerti quattro giorni in hotel.

Nubi nere si addensano sul Gran Hermano, la versione spagnola del Grande Fratello, il reality show inventato nel 1999 dall'olandese Jon de Mol. Nell'edizione di due anni fa un concorrente, Josè Maria Lopez, avrebbe abusato della coinquilina Carlota Prado dopo una festa a base di alcolici.

Il ragazzo avrebbe accompagnato a letto la Prado dormendo con lei, ma a quanto pare lui sarebbe rimasto contro il suo volere. Nel video diffuso da El Confidencial si sentirebbe la ragazza dire "No, non posso", per poi addormentarsi. Diversi minuti dopo una voce annuncia a Josè la sua espulsione per motivi disciplinari. Alla ragazza in confessionale viene mostrato il video dell'episodio incriminato: Carlota, ovviamente sotto choc, chiede in lacrime di uscire per rivedere i suoi amici, ma un autore le dice chiaramente di non farne parola con nessuno. La produzione le ha offerto in seguito alcuni giorni di riposo in hotel, per poi rientrare nel gioco.

Il fatto che la vicenda sia stata resa nota solo ora sta suscitando un fiume di polemiche: i vertici della produzione Zeppelin Tv sostengono che il direttore Alvaro Diaz avesse già denunciato l'accaduto 24 ore dopo, ma a questo si aggiunge la fuga di ben 41 sponsor, tra i quali Ferrero, Rocher, Nestlè, Telefonica, Schweppes, Mediamarkt, Nivea. Non si sta tuttavia verificando alcuna fuga dei telespettatori: come scrive il Corriere della Sera, il reality trasmesso da Telecinco (Mediaset) in Spagna veleggia ancora intorno al 36 % di share.

 

  • shares
  • Mail