• Tv

Zero e Lode: spunto interessante, quiz imbarazzante

Zero e lode, la prima puntata live su Blogo.

 

Premessa: il debutto di un quiz/game show è sempre molto complicato. Bisogna spiegarlo, far entrare il pubblico nel meccanismo, prendere le misure con i tempi.

E’ di certo più complicato se ci sono delle tare di fondo, ovvero se il gioco è in sé cerebrale, lo svolgimento lento, la conduzione esondante, il commento tecnico petulante e i concorrenti parodistici.

Questa prima puntata di Zero e Lode, si sarà capito, non mi ha entusiasmato: il richiamo al campione di italiani standard rende in automatico le fondamenta del gioco alquanto deboli e variabili; se poi ci  si aggiungono dei concorrenti che hanno paura di perdere, si finisce per avere poco rischio e molta ‘banalità’. In questo senso il casting della prima non ha aiutato, con la presenza di 5 coppie che sembravano non aver capito per primi quale fosse l’obiettivo del gioco. E se non lo sanno loro…

A cercare di smuoverli un Alessandro Greco che non dimentica mai i tempi di Furore (tanto da fare una battutina nostalgica) e non fa quello che in genere serve a un quiz, ovvero un passo indietro e lasciare che il gioco racconti la sua storia. In questo caso diciamo anche che era particolarmente difficile farlo. In mancanza di concorrenti ‘puntuti’ e di fronte a un gioco non proprio intuitivo, Greco si ritrova necessariamente a colmare spazi  e ritmi, facendo però anche troppo: strizza l’occhio ad Amadeus – che ha trovato però una sua cifra in decenni di gavetta – ma tende al coinvolgimento in stile ‘Gioco Caffè’. Se a questo si aggiungono gli applausi coatti… Ma alla confezione ci arrivo tra poco.

0911_142912_zeroelode.jpg

Il gioco, diciamocelo, è noioso. L’idea di smarcarsi dalle risposte comuni può anche essere interessante in assoluto ma è la base ad essere discutibile: la base 100 è così variabile da mettere ogni possibile risposta tra le ‘pointless’. Non ho visto il format originale, confesso, ma questa versione in salsa italica mi dà pochi brividi e suscita in me scarso mordente. Manche, argomento, pseudo-domanda, pseudo-risposta, verifica allo Zerometro (e tutto quello che in tv finisce con -metro dovrebbe essere bannato dal 1987), passa turno, pseudo-risposta, verifica allo zerometro e via così. Diciamo che non è proprio un ritmo incalzante e un andamento ‘tensivo’. La noia, insomma.

Non aiuta neanche Mr. Zero, simulacro del Signor No, ma in funzione più di Gian Luigi Beccaria in Parola Mia, ovvero l’enciclopedia che spiega, insegna, snocciola curiosità. Ma le varie parti del programma – gioco, conduzione, commento – non legano e così anche Mr. Zero (chiamato dallo stesso Greco ‘Signor No’) ha l’effetto di un grillo parlante un po’ petulante. Un vero peccato, perché si tratta pur sempre di Stefano Santucci, una leggenda del genere quiz/game, una risorsa ben più sfruttabile. Magari nelle prossime migliora. Ne sono certa. Conduttore e Mr. Zero troveranno un bilanciamento.

0911_142023_zeroelode.jpg

Arriviamo alla confezione: studio davvero economico e popolare. Diciamo pure triste. Degli applausi forzati abbiamo già detto, del montaggio c’è poco da dire. Per buona parte della puntata ho avuto l’impressione che fosse in diretta, fatti salvo dei tagli in concomitanza con i cambi di manche: si è voluto registrare come se fosse tutto live? Beh, la registrata nei quiz serve anche a dare ritmo: se si rinuncia a questo si è molto coraggiosi. O incoscienti.

Con una partenza così si può solo migliorare, almeno nella realizzazione del programma e nell’equilibrio tra gioco, conduzione e commento. Sul meccanismo del gioco ho qualche dubbio in più. Per adesso diciamo che, nonostante la buona volontà di Greco, toglierei la lode. Ma tanto in questo gioco con Zero si vince, quindi…

(Io intanto mi domando perché Endemol non torni a una chicca come Chi Vuol Essere Milionario?).

Zero e Lode | Diretta prima puntata

[live_placement]

Zero e Lode | Anticipazioni prima puntata

zeroelode.jpg

Rai 1 testa un quiz show dopo il Tg1 con la conduzione di Alessandro Greco: si tratta di Zero e Lode gioco in cui per vincere bisogna cercare di indovinare le risposte non date, o meno date, a domande di cultura generale da un campione di 100 persone. In pratica sono proprio le risposte non date, quelle da ‘zero e lode’, le risposte utili per andare avanti nel gioco, accumulare il punteggio più basso e arrivare al round finale per vincere il jackpot in palio.

Cerebrale, a una prima lettura. Vedremo se funziona seguendolo live dalle 14.00 su TvBlog.

Zero e Lode | Come funziona il gioco

Al gioco partecipano quattro squadre, formate ciascuna da una coppia di concorrenti (amici, parenti, colleghi, ecc.) e si articola in tre round, ognuno formato da più manche, più un gioco finale. Durante i giochi, ai concorrenti vengono poste delle domande precedentemente rivolte a un gruppo di 100 italiani che in 60 secondi hanno fornito tutte le risposte che sono affiorate nella loro mente. Per ogni domanda fatta in studio è quindi disponibile una classifica delle risposte più popolari (e di conseguenza di quelle impopolari) date dal campione che viene presa come riferimento per determinare i punteggi delle risposte dei concorrenti. Più i concorrenti in studio forniscono le risposte meno gettonate dai 100, più hanno la possibilità di vincere. L’obiettivo delle squadre, infatti, è quello di totalizzare meno punti possibili, cercando di dare risposte esatte ma pensate dal minor numero di persone del campione.

Alla fine di ogni round viene eliminata una coppia (quella che ha accumulato il punteggio più alto), mentre la coppia vincitrice dei tre round accede al gioco finale per cercare di aggiudicarsi il jackpot in palio, che cresce di puntata in puntata.

Zero e Lode | Il format

Zero e Lode è basato sul format Pointless, creato da Remarkable Television, una Endemol UK company e licenziato da Endemol Shine Group B.V.. La versione italiana è un programma di Rai1 prodotto in collaborazione con Endemol Shine Italy ed è scritto da Stefano Santucci (capo progetto), Ilenia Ferrari, Francesco Lancia, Alessandro Migliaccio, Mauro Sucato. La regia è di Claudia De Toma.

Zero e Lode | Come seguirlo in tv e in streaming live

Zero e lode va in onda dal lunedì al venerdì alle 14.00 alle 14.55, dopo il Tg1 delle 13.30 e prima de La Vita in Diretta. Il programma è visibile in live streaming sul portale RaiPlay, dove è poi visibile on demand.

Zero e Lode | Second Screen

Il programma non ha ancora social dedicati, masi può far capo alla pagina FB di Rai 1, al profilo Twitter dell’ammiraglia, magari anche all’account Twitter di Alessandro Greco. L’hashtag è #ZeroeLode.