In Onda, Porro contro Fazio: "Piagnucolava contro la politica in Rai prima del milione in più…"

Da "Fazio a La7" a "La7 contro Fazio" il passo è brevissimo. Anche Bersani ha espresso riserve sul contratto Rai del conduttore

nicola porro

Il caso del contratto milionario di Fabio Fazio sbarca su La7. E' stato l'argomento più scottante della prima puntata di In Onda, nell'inedita co-conduzione del 2017 di Luca Telese e David Parenzo.

Manco a dirlo a sollevare un polverone è stato Nicola Porro, già scagliatosi contro la cancellazione dell'Arena (da lui paragonata alla chiusura del suo Virus):

A In Onda si parlava della crisi del Pd post amministrative e del recente ritorno di Renzi in piazza per ritrovare il suo elettorato: "Il tuo leader è Fazio e gli dai 14 milioni (si sarà confuso con 11, ndr). Questo non è piaciuto".

Poi il giornalista ha rincarato la dose:

"Il problema non è il tetto agli stipendi, a quello sono contrario. E' che non puoi andare a piagnucolare per la presenza della politica in Rai e poi far vedere che quel vulnus non c'è più per un milione in più".

A questo punto il conduttore di Matrix ha lanciato una provocazione:

"Io posso dire che c'è un vulnus incredibile di antiberlusconismo a Mediaset e non vedo l'ora di avere un'offerta da Cairo".

Pierluigi Bersani, ospite in studio, ha detto a sua volta la sua sul caso Fazio:

"Le trasmissioni che fan lui tirano pubblicità, ma allora si fa un canale pubblico - che per me è la tv delle libertà e che fa partire i talenti che poi andran sul mercato - e usciamo dalla sudditanza alla Fantozzi e usciamo dalle ambiguità. Esiste al mondo anche il giro fiscale che interviene e ridistribuisce".

A questo punto Telese ha ironizzato sulla Fazio tax. Che strano, su La7 sono andati così pesanti su Fazio proprio dopo le voci che lo volevano in trattativa con Cairo (anche se il diretto interessato ha smentito).

  • shares
  • Mail