True Detective 3: Mahershala Ali in trattativa per il ruolo del protagonista, la terza stagione si farà?

Mahershala Ali potrebbe essere il protagonista della terza stagione di True Detective

mahershala-ali.jpg

La terza stagione di True Detective è ancora una questione aperta in casa HBO. Sotto traccia e senza nessun annuncio ufficiale, mentre prepara altri progetti tra film e serie tv, mentre cerca di districare la matassa del post Game of Thrones con i numerosi spinoff in preparazione, il canale premium cable americano non ha perso di vista l'esperimento antologico di True Detective.

A riaccendere il fuoco della passione di True Detective è l'arrivo della notizia che Mahershala Ali starebbe in trattativa per il ruolo da protagonista della potenziale terza stagione. Ovviamente siamo ancora nell'alveo delle possibilità e di certezze non ce ne sono, come già detto HBO non ha ufficialmente annunciato una terza stagione, ma indubbiamente il nome di Ali, reduce dall'Oscar per Moonlight e dai successi di House of Cards e Luke Cage, dà un nuovo vigore al progetto di un'eventuale terza stagione di True Detective.

Essendo un progetto ancora in divenire non ci sono dettagli sulla possibile terza stagione di True Detective. Lo scorso gennaio Casey Bloys presidente della programmazione HBO si era detto fiducioso visto che Nic Pizzolatto stava definendo un soggetto su cui riponeva molto entusiasmo. A marzo era poi arrivata conferma che Pizzolatto, storico autore delle prime due stagioni di True Detective, stava lavorando con David Milch, autore di Deadwood, al soggetto della terza stagione della serie. Chissà se a distanza di più di tre mesi i due siano riusciti ad elaborarne la sceneggiatura. Indubbiamente se iniziano ad emergere le prime trattative per il cast come questa con Mahershala Ali, qualcosa di concreto Pizzolatto e Milch e la HBO in mano devono avere.

Intanto HBO si dedica allo sviluppo di nuovi film tv come The Color of Cola tratto dal libro di Stephanie Capparell intitolato The Real Pepsi Challenge che racconta come la Pepsi negli anni '40 riuscì a superare le differenze razziali negli USA. Mitchell Kapner si occuperà della sceneggiatura del film che racconterà come nel 1947 il CEO della Pepsi Walter Mack assunse Edward F. Boyd con l'obiettivo di ingaggiare una squadra di venditori afro-americani per puntare al mercato black. Grazie a questa strategia riuscirono ad incrementare le vendite della Pepsi, pur senza mille difficoltà dovute alle resistenze incontrate in diverse parti del paese.

  • shares
  • Mail