“Who wants to be a Millionaire” ovvero come potrebbe essere il nuovo Milionario Sprint di Gerry Scotti

E’ stata la nostra Debora a riportare in tempo reale la dichiarazione di Gerry Scotti che il nuovo preserale di Canale 5 sara’ una nuova versione di Chi vuol essere Milionario? ribattezzata Milionario Sprint. Tale novita’ e’ stata confermata anche dal Direttore di Rete Massimo Donelli nella sua intervista rilasciata a Share. Ma come sara’


Milionario Millionaire ABC logo US
E’ stata la nostra Debora a riportare in tempo reale la dichiarazione di Gerry Scotti che il nuovo preserale di Canale 5 sara’ una nuova versione di Chi vuol essere Milionario? ribattezzata Milionario Sprint. Tale novita’ e’ stata confermata anche dal Direttore di Rete Massimo Donelli nella sua intervista rilasciata a Share. Ma come sara’ questa nuova edizione del gioco? Lo sapremo con certezza l’8 dicembre, giorno di messa in onda del programma. Alcuni elementi gia’ anticipati sono l’assenza del Dito piu’ veloce, un nuovo meccanismo in caso di errori e maggiore rapidita’. Nell’attesa possiamo andare a sbirciare l’edizione statunitense del gioco che ha introdotto in questa settima stagione numerose novita’ tra cui il fattore tempo e nuovi aiuti.

Diamo un’occhiata quindi all’edizione corrente, ma analizziamo rapidamente anche le altre innovazioni introdotte negli anni precedenti che non hanno mai visto la luce in Italia. E’ possibile che Milionario Sprint conterra’ elementi presi da queste diverse versioni, amalgamandole in quella che Ludovico Peregrini e gli altri autori del gioco avranno decretato essere la formula piu’ adatta per la declinazione italiana. E’ anche ovviamente possibile che vengano introdotti elementi di gioco del tutto nuovi e inediti che potrebbero contraddistinguere in maniera unica l’edizione di Canale 5. Gli Stati Uniti sono comunque per ora il paese in cui il format ha subito il maggior numero di cambiamenti alle regole e che piu’ di altri ha sperimentato novita’ nella formula di questo quiz.

Millionaire, come e’ amichevolmente chiamato, e’ in onda in Syndication (quindi su diverse reti via cavo) dal 2002 in una versione quotidiana dal lunedi’ al venerdi’ in daytime ed e’ condotto dalla giornalista di NBC Meredith Vieira (che ha vinto anche un Emmy per questo ruolo al timone del quiz). Spesso alla conduzione si alternano altri colleghi, a causa dei suoi impegni giornalistici a Today. Lo show viene registrato a New York e la settima edizione in Syndication e’ in onda dall’8 settembre 2008. Il programma e’ in onda nel paese dal 16 agosto 1999 dove dopo un’eccezionale serie di stagioni su ABC sotto la conduzione di Regis Philbin ha visto in seguito un progressivo calo di popolarita’ che ha modificato la sua strategia di messa in onda e il suo formato, che ora e’ di 30 minuti (contro i 60 iniziali). Niente Fastest Finger (ovvero Dito piu’ veloce): i concorrenti entrano uno dopo l’altro sul palco perche’ la selezione e’ stata anticipata nella fase di casting prevedendo batterie di 100 domande di difficolta’ abbastanza elevata, scremando in questo modo il piu’ possibile i concorrenti.

La Scalata e il tempo
Le domande della scalata attuale sono 15, partono da 100 dollari fino a 1 milione di dollari. Vi sono due soglie che sono la quinta (1.000$) e la decima (25.000$). La settima edizione ha introdotto anche una nuova grafica e il fatto che ogni domanda della scalata e’ fin dall’inizio associata in modo casuale ad una categoria ben specifica (storia, spettacolo, letteratura, scienza ecc.) che il concorrente conosce fin dalla prima domanda. Cioe’ sapra’ gia’, ad esempio, che nella sua scalata la decima domanda sara’ di storia e che la quindicesima (quella finale) sara’ di geografia. Ecco debuttare anche il fattore tempo: il concorrente ha 15 secondi a disposizione per le prime 5 domande, 30 secondi per le domande dalla 6 alla 10 e 45 secondi per ciascuna domanda dalla 11 alla 14. Per la domanda finale il concorrente ha a disposizione 45 secondi piu’ tutti i secondi risparmiati nelle domande precedenti. Il tempo parte da quando la grafica mostra contemporaneamente tutte e 4 le opzioni di risposta, dopo che la conduttrice ha letto la domanda. L’idea del tempo e’ una novita’ introdotta dal “Who wants to be a Millionaire – Play it!”, un live show tenuto presso i parchi Disneyworld e dalla versione australiana che prevedeva 60 secondi di tempo solo se il concorrente impiegava troppo tempo a rispondere. Se allo scadere del tempo il concorrente non ha dato la sua risposta definitiva, deve abbandonare il gioco con il montepremi fino a quel momento guadagnato (in pratica corrisponde ad abbandonare il gioco).

Gli Aiuti
Per quanto riguarda gli aiuti, nella stagione al momento in onda sono 4 quelli a disposizione dei concorrenti:
Phone a friend: la classica telefonata a casa, con la differenza che il concorrente puo’ scegliere tra tre potenziali persone da chiamare (da lui indicate prima dell’inizio del gioco ovviamente) e di ciascuna conosciamo dettagli come nome, foto, citta’ di residenza e competenze.
Ask the Audience: l’aiuto del pubblico, uguale alla versione italiana.
Double Dip: (in uso nello spin-off Super Millionaire): questo aiuto consente al concorrente di selezionare due possibili opzioni di risposta, ma dopo aver scelto questo aiuto, il concorrente non puo’ piu’ -per la domanda in corso- decidere di abbandonare il gioco con il montepremi fino a quel momento accumulato.
Ask the Espert: (nuovissimo, introdotto 2 mesi fa): questo aiuto rimpiazza il cambio-domanda (lo switch, adottato anche in Italia e in uso fino alla precedente edizione qui negli Stati Uniti) ed e’ utilizzabile solo dopo aver superato la soglia da 1.000$ (quinta domanda). Il concorrente puo’ consultare un “esperto” selezionato dallo sponsor (in questo caso Skype), in collegamento video con lo studio, per avere un’opinione sulla risposta. L’ “esperto” potrebbe essere uno scienziato, una celebrita’, un giornalista, un politico oppure un precedente concorrente del Milionario che ha fatto un’ottima performance.
Il tempo, per tutti gli aiuti, viene congelato mentre l’aiuto e’ in uso ma riprende non appena ne viene comunicato l’esito. Nel caso dell’aiuto del Double Dip, le due opzioni di risposta devono essere date entro il tempo utile altrimenti viene applicata la sanzione equivalente ad una risposta sbagliata (abbandono del gioco e caduta alla soglia di montepremi precedentemente raggiunta). Ciascun singolo aiuto e’ sponsorizzato da un inserzionista.
E’ chiaro che il tempo rende il gioco decisamente piu’ veloce.

Ecco per voi una sintesi video di alcuni momenti dell’edizione attualmente in onda negli Stati Uniti. Puntata fresca fresca appena registrata, contiene esempi degli aiuti “Ask the audience”, “Phone a friend” e “Ask the expert”. A giocare e’ un’intera famiglia perche’ questa settimana il programma ha introdotto questa variante del “Family Week”. Fa sorridere come domande per noi apparentemente facili mettano in difficolta’ gli americani (ad esempio la domanda sul cibo non presente in Europa) e siano infatti posizionate per montepremi relativamente alti:

Spin-off degni di nota
Who Wants to be a Super Millionaire: evento in onda su ABC per 12 puntate e condotto da Regis Philbin. Il premio finale viene decuplicato: da 1 a 10 milioni di dollari e anche i valori intermedi della scalata sono ben piu’ elevati (il premio da 1 milione di dollari e’ associato alla domanda n.12). Concorrenti molto piu’ preparati, domande piuttosto difficili e meno aiuti (alcuni disponibili solo dopo la decima domanda). E’ andato in onda in prima serata con 5 puntate a febbraio e 7 a maggio 2004. Gli aiuti previsti erano 3, i classici (telefonata, pubblico, 50:50).
Who Wants to be a Millionaire – Play It!: show-attrazione per i parchi Disney Hollywood Studios a Orlando, Florida e in California. Lo show, molto simile a quello televisivo, veniva realizzato solo per gli ospiti del parco e ha introdotto per la prima volta il fattore tempo. I premi non consistevano in denaro ma in gadget Disney del valore crescente (spille, cappelli, magliette ecc.). Il premio finale consisteva in una crociera di 3 giorni su una nave Disney Cruise. Questa versione e’ andata anche in onda in tv e il premio consisteva in questo caso, in un viaggio a New York per conoscere Regis Philbin durante una puntata dello show originale.
Sono state inoltre realizzate decine di bizzarre declinazioni diverse, tra cui citiamo: Celebrity Edition (a fini di beneficienza), Champions Edition (con i campioni di sempre), Top of the Charts Edition (con cantanti o artisti musicali), Zero Dollars Winners Edition (per coloro che se ne sono andati a casa a mani vuote nelle edizioni precedenti), Family Edition (con tutta la famiglia come concorrenti), Couples Edition (con coppie sposate), Walk In & Win Edition (concorrenti scelti a caso tra il pubblico in studio), Twins Edition (con i gemelli), Super Bowl Edition (con i campioni di football) e molte altre.

Altre curiosita’ e varianti del gioco
– Il “Milionario” e’ il format televisivo che ha raccolto maggiore popolarita’ a livello internazionale di tutti i tempi ed e’ declinato in oltre 100 paesi.
– Originariamente, almeno nel Regno Unito e negli Stati Uniti, le due risposte sbaglaite da eliminare nel 50:50 erano pre-determinate (anche in Italia, Gerry ogni tanto lo ricorda), recentemente invece le due risposte da eliminare venivano scelte in modo assolutamente casuale dal computer.
– Per un certo periodo di tempo, grazie allo sponsor AOL, l’aiuto Ask the Audience si e’ trasformato in un aiuto telematico in tempo reale tra tutti coloro che, a casa, tramite un sistema di messaggistica istantanea (tipo MSN Messenger) si erano candidati per aiutare il concorrente in studio.
– La rosa di persone chiamabile per la Telefonata a casa prima era costituita da 5 persone (ora da 3). Una curiosita’: una persona che si candida come “chiamabile” puo’ rivestire questo ruolo solo fino a due volte per un’intera stagione dello show.
– Un nuovo aiuto era stato aggiunto per la versione Super Millionire, Three Wise Men: il concorrente, dopo la decima domanda, poteva chiedere consulenza ad un panel di tre esperti scelti – di nuovo – dallo sponsor. Uno dei tre era sempre un ex vincitore del Milionario. I tre pareri degli esperti, presenti in studio tramite collegamento video, potevano assolutamente essere discordanti. Anche l’aiuto del Double Dip e’ stato aggiunto nella versione Super dello show, disponibile dopo la decima domanda.
Michael Eisner, in seguito CEO della Walt Disney Company, capi’ solo in ritardo il potenziale del programma, inserendolo inizialmente esclusivamente in daytime.
– Clamoroso l’ imbroglio del 2003 nel Regno Unito dove una concorrente sarebbe stata aiutata da un amico-complice seduto tra il pubblico che tramite colpi di tosse l’avrebbe aiutata a vincere il milione di sterline in palio. I dubbi sono stati sollevati da altri membri del pubblico e la puntata non e’ mai stata trasmessa fino alla fine del processo che ha visto i due imputati colpevoli, nonostante la difesa abbia dichiarato che il proprio cliente soffrisse di allergie, presunta vera causa dei colpi di tosse.
– Sempre nel Regno Unito e’ in onda dal 2007 una versione che prevede una scalata ridotta, con 12 domande anziche’ 15.