Netflix farà scegliere il finale allo spettatore, il primo esperimento sarà con Black Mirror

Oltre le innovazioni Netflix annuncia anche l'arrivo della prima serie tv originale turca entro fine 2018

Netflix scegli i finali

Quante volte guardando una serie tv o un film abbiamo pensato "mah io l'avrei fatto finire diversamente", "questo finale non mi è proprio piaciuto". Netflix è pronta a venire incontro ai nostri desideri e è pronta a trasformare le sue produzioni in senso sempre più interattivo. Netflix sta lavorando per permettere allo spettatore di scegliere il proprio finale.

E per testare questa nuova funzione in arrivo è stata scelta la nuova stagione di Black Mirror. Uno show sul futuro dell'umanità in cui provare il futuro delle serie tv. Non poteva esserci connubio migliore. Inoltre Black Mirror è una raccolta di episodi auto-conclusivi su un futuro distopico, quindi permettere allo spettatore di scegliere il proprio finale non implica arrivare alla fine di 10 puntate o anche più.

Ad anticipare questa nuova funzione è Bloomberg che cita una fonte interna alla piattaforma che ha preferito non rivelare la propria identità considerando che il progetto è ancora privato. Secondo quanto riporta Bloomberg questa novità sarà lanciata entro l'anno, questo vuole anche dire che entra l'anno arriverà un nuovo ciclo di episodi di Black Mirror. Quindi come per le precedenti stagioni, anche la quinta di Black Mirror dovrebbe arrivare il prossimo dicembre. 

Secondo quanto riporta il sito, l'idea di Netflix è quella di partire con Black Mirror per poi ampliare la funzione anche ad altre serie tv originali prodotte dalla piattaforma. Gli spettatori potranno scegliere una storyline e quindi il finale di un episodio di Black Mirror. A quel punto ciascuno potrebbe avere la propria versione della stessa storia.

Dopo aver portato la serialità su ogni device, introdotto la modalità di rilascio in un unico momento di tutti gli episodi favorendo il binge-watching Netflix continua a innovare a trovare modi per trattenere lo spettatore con questa nuova funzione. Ciascuno di noi potrà scegliere il proprio finale ma al contempo anche decidere di tornare indietro e provarne un altro e un altro ancora.

L'idea sembra sempre più quella di avvicinare le serie tv al modello del videogame. Una volta trovata la formula giusta, la piattaforma potrebbe riuscire ad adattarla anche alle serie tv di più lunga durata, in cui risulta difficile immaginare che ciascun spettatore possa scegliere il proprio finale di stagione, visto che poi da qualche parte bisogna anche ripartire. Probabile che stiano lavorando a una modalità per cui è possibile seguire strade diverse per arrivare in ogni caso alla stessa conclusione.

Un modello di serie interattiva su Netflix già c'è anche se destinata ai bambini. Si tratta di Puss in Book in cui gli spettatori possono scegliere se seguire le vicende di uno o di un altro personaggio.

Ovviamente tutto questo crea delle difficoltà da un punto di vista produttivo con la necessità di scrivere e girare più scene e prevedere diversi possibili scenari. Tutto lavoro in più per sceneggiatori e produttori.

Recentemente HBO ha fatto un tentativo simile con Mosaic di Steven Soderbergh con Sharon Stone ma in quel caso era stata creata un app parallela allo show in cui, proprio come in un videogame, lo spettatore poteva scegliere diversi percorsi narrativi. In tv è stata poi mandata una versione classica della serie tv.

E' arrivato il momento delle serie tv interattive?

Difficile dirlo con certezza. Intanto però Netflix non rinuncia alle serie tv classiche e annuncia l'arrivo entro fine 2018 di The Protector la prima produzione originale turca. Al centro c'è la storia di un giovane droghiere che scopre di far parte di un ordine segreto che ha il compito di proteggere Istanbul.

  • shares
  • Mail