Bruno Vespa risponde alle polemiche per il titolo sulla lobby gay