Anna Oxa Risponde alla diffamazione della “stampa organizzata”