Analisi Auditel: Lost su Fox

Dopo l’interruzione dovuta al lungo sciopero degli sceneggiatori americani, è ripartita lunedi scorso alle 21:20 su Fox la quarta stagione di Lost con la trasmissione consecutiva di due episodi (stasera in onda altri 2), prima di tornare in onda anche su RaiDue da fine luglio. In questo post andremo a vedere il riscontro numerico del

di Hit,


Dopo l’interruzione dovuta al lungo sciopero degli sceneggiatori americani, è ripartita lunedi scorso alle 21:20 su Fox la quarta stagione di Lost con la trasmissione consecutiva di due episodi (stasera in onda altri 2), prima di tornare in onda anche su RaiDue da fine luglio. In questo post andremo a vedere il riscontro numerico del pubblico, in questo caso satellitare. Una serie i cui intrecci dell’abile sceneggiatura scritta da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber hanno stregato milioni di telespettatori nel mondo, mentre invece ha trovato parecchie difficoltà ad esplodere qui in Italia. Probabilmente anche per il fatto che la prima trasmissione è avvenuta su Fox, canale satellitare a pagamento, prima di approdare poi, un pochino spompato sulla TV generalista free, nel caso RaiDue. Un discorso che si può equiparare per certi versi al destino di House che sta andando ora sul digitale terrestre a pagamento di Mediaset, prima di arrivare sulle reti free della TV di Cologno Monzese, ma di questo ovviamente parleremo più avanti quando avremo a disposizione dati certi.

Tornando a Lost, non c’è dubbio che il fascino narrativo decisamente appassionante della sceneggiatura costruita su continui flashback, ma anche da frequenti flashforward, catturi il telespettatore in un universo temporale imprecisabile, che rende la vicenda fluttuante su di una storyboard apparentemente confusa. Ma è proprio su questo livello narrativo il pregio maggiore di una serie, la cui ambientazione è continuamente messa in discussione da questi soggetti intrecciati fra di loro. Ma è anche l’indubbio limite di chi la vuole seguire a partita iniziata, ma non essendo dentro nei gangli narrativi di questa particolare trama, fa una fatica pazzesca a trovare la porta d’ingresso. Lost è anche la nostra ricerca dello sconosciuto, un isola che non c’è nell’epoca del GPS.

Per vedere l’impatto che ha avuto sul pubblico della televisione satellitare la ripresa di “Lost” , abbiamo realizzato dopo il salto il nostro consueto grafico con le curve degli ascolti minuto per minuto, confrontando la curva rossa di Fox con quelle di altre 5 reti satellitari. Possiamo vedere come la curva di Lost raggiunga picchi di 300.000 telespettatori proprio a fine episodio, rimanendo la prima rete per tutta la durata del telefilm, notiamo anche i repentini cali durante i neri pubblicitari, fin troppo frequenti per una rete a pagamento. Subito sotto notiamo la curva azzurra di Sky cinema 1 dove era in onda il film in prima TV “Il bacio che aspettavo” interpretato dall’ex divo di O.C. Adam Brody. In seconda serata bene la curva gialla di Sky Sport 1 che primeggia su tutti. Bene in prime time “Cold Case” su Fox Life che raggiunge circa i 100.000 telespettatori, tallonato da “Il killer delle vergini” su Fox Crime.