Outlander, su Foxlife la saga tra fantascienza ed epica

Su Foxlife (canale 114 di Sky) Outlander, tratto dai libri di Diana Gabaldon con protagonista una donna che viaggia nel tempo, finendo nel 1743, in una Scozia dove dovrà cercare di sopravvivere a pericoli e personaggi che metteranno in dubbio il suo presente

Il viaggio nel tempo diventa strumento per raccontare una saga con al centro una donna, il suo tentativo di tornare a casa ed i dubbi del suo cuore: Outlander, la serie tv in onda da questa sera alle 21:55 su Foxlife (canale 114 di Sky), catapulta il pubblico nella Scozia del XVIII Secolo, un mondo lontano dove la protagonista deve imparare ad adattarsi cercando di nascondere la sua provenienza.

La serie tv è tratta da una saga letteraria molto famosa, dal titolo, appunto, “Outlander”, scritta da Diana Gabaldon: ambientata nel 1945, poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, l’infermiera inglese Claire Beauchamp Randall (Caitriona Balfe) festeggia con il marito Frank (Tobias Menzies, Game of Thrones) con un viaggio in Scozia, in visita ai resti di antichi edifici dove avrebbero potuto trovarsi, in passato, gli antenati di Frank.

Nel visitare da sola un misterioso cerchio di pietre, luogo di incantesimo e rituali, Claire perde i sensi per svegliarsi nel 1743. Qui, confusa, deve riuscire a sopravvivere cercando di trovare un modo per tornare a casa dove, intanto, Frank si domanda che fine abbia fatto.

Nel passato, Claire deve anche iniziare a conoscere personaggi che aveva conosciuto solo sui libri, come Jonathan “Black Jack” Randall (Menzies), antenato di Frank, e ritrovandosi ospite del clan dei MacKenzie, dove diventa, suo malgrado, la guaritrice del castello, sfruttando le sue conoscenze in campo medico.

Claire, però, fa anche la conoscenza di Jamie Fraser (Sam Heughan), appartenente al clan e ricercato dai britannici, che cerca di proteggerla e con cui scatta una passione che porterà la donna ad avere dei dubbi sulla sua relazione con Frank. Ma Claire non si arrende e, mentre cerca di sopravvivere nel castello e di nascondere le sue origini, prova a tornare dove si trova quel cerchio di pietre per provare a capire come possa mettersi in contatto con il futuro.

Adattato per la televisione da Ronald D. Moore (Battlestar Galactica), Outlander è un curioso mix tra fantascienza, sentimento ed epica: con una protagonista che non si arrende mai, la serie riesce ad incuriosire un pubblico che cerca una saga dai contorni rosa che però non mette da parte l’azione. Tre elementi che fanno di Outlander uno show da cui trarre numerose storyline che possano dare alla serie diverse modalità di fruizione.


Outlander