Cbs, Nina Tassler parla di Supergirl e di Csi: "Non abbiamo ancora deciso cosa succederà"

Cbs

La Cbs punta ancora una volta sugli spin-off, ma cerca anche di espandersi oltre i classici generi con uno show su Supergirl: al Television Critics Association press tour, Nina Tassler, presidentessa del network, ha parlato delle novità del canale, ma anche delle serie tv già note.

Innanzitutto, la Tassler ha parlato di Supergirl, che il network dovrebbe mandare in onda la prossima stagione. "Abbiamo sentito il progetto e capito che ha a che fare con così tante qualità e caratteristiche delle eroine femminili sul network", ha spiegato, aggiungendo che non teme il fatto che una serie come questa possa essere differente dal resto degli show presenti sul canale:

"C'è un'evoluzione che ha rispetto del modo in cui i supereroi sono rappresentati. C'è un'umanità, sono imperfetti, sono vicini alla gente. Sono tutte cose che rendono Supergirl vicina alla gente e la trama entusiasmante, un'avventura".

Il network, però, non si dimentica delle serie storiche, da cui cerca di realizzare degli spin-off: così, dopo il rinnovo di Ncis: New Orleans per una seconda stagione, la Cbs sta pensando ad un nuovo spin-off di Criminal Minds, sebbene il primo, Suspect Behaviour, fu cancellato dopo una stagione. Per la Tassler, il fatto che ci lavori Erica Messer, showrunner di Criminal Minds, è una garanzia:

"E' un'incredibile scrittrice ed una delle migliori showrunner."

Per quanto riguarda Csi, invece, non è ancora stata presa nessuna decisione sulla possibilità di cancellare la serie tv, il cui ordine di episodi è passato da ventidue a diciotto:

"Non abbiamo ancora deciso cosa succederà con Csi. Lo show continua ad andare bene nel suo slot. Guardate al viaggio che lo show ha fatto... Siamo incredibilmente orgogliosi."

La Tassler ha parlato anche di Extant, che tornerà la prossima estate nonostante gli ascolti non esaltanti della prima stagione e con qualche cambiamento nel cast:

"Faremo delle modifiche nella mitologia della seri. Molly (Halle Berry) sarà più intraprendente, ed all'inizio della stagione ci sarà più focalizzazione sulla minaccia alla sua vita domestica".

Per quanto riguarda le sit-com, la presidentessa del network è dispiaciuta per l'insuccesso di The Millers:

"Abbiamo dato alla serie un incredibile lancio lo scorso anno e siamo grandi fan di Greg Garcia. E' stata una decisione difficile".

Infine, la Tassler non commenta le notizie che vorrebbero Charlie Sheen tornare per il series finale di Due uomini e mezzo: il mistero, quindi, resta.

[Via TvLine]

  • shares
  • Mail