Maurizio Crozza a DiMartedì del 25 novembre 2014 (VIDEO)

La copertina satirica di Maurizio Crozza

Anche la puntata di ieri sera di DiMartedì, in diretta su Blogo, è stata aperta dalla copertina di Maurizio Crozza.

Il comico si è presentato con la cartina dell’Italia, sempre più rossa, e indossando un colbacco comunista:

Giova, guarda l’Italia: tutto rosso, tutto comunismo! Nemmeno in Unione Sovietica di Breznev si era mai visto tanto rosso. È diventata rossa persino la Calabria! A Reggio c’è già la coda per vedere i famosi Compagni di Riace. In Bulgaria ormai si parla di percentuali renziane.

Crozza si è quindi trasformato in Matteo Renzi, per qualche secondo negli inediti panni di imitatore di Tiziano Ferro:

Domenica nessuno è andato a votare e ho preso 2 regioni. Renzi batte democrazia 2 a 0. Non ho più bisogno del PD, non ho più bisogno di Berlusconi. Tra un po’ non avrò nemmeno più bisogno degli elettori. La democrazia è un concetto vecchio, oggi conta Parole-a-vanvera-crazìa.

Il comico è poi passato a commentare l’altissimo livello di astensionismo registrato alle ultime regionali:

In Emilia ha votato solo il 37%. Praticamente solo scrutatori, ma perché erano già lì. Più che exti-poll, exit-pochi.

Immancabile un passaggio sulla ‘coerenza’ di Bonaccini, neo governatore della Regione Emilia Romagna:

Prima era bersaniano, poi renziano. Domenica, dopo i risultati elettorali, ha detto “io sono sempre stato astenuto.

Divertente la battuta sul crollo di Forza Italia, con riferimento a Bruno Vespa, ospite in apertura di DiMartedì:

Ormai Berlusconi politicamente serve a presentare i libri di Bruno Vespa.

In chiusura il riferimento all’altro Matteo, Salvini, e il commento del senatore Antonio Razzi sul sì della Camera al jobs act.

Ultime notizie su Maurizio Crozza

Tutto su Maurizio Crozza, comico genovese. Dalla copertina satirica di Ballarò alle trasmissioni su La7. Video dei monologhi e anticipazioni.

Tutto su Maurizio Crozza →