• Tv

Tv, investimenti pubblicitari: Mediaset e La7 in calo, Sky e Rai si salvano

Anche Rai e Sky hanno perso rispetto ad agosto 2013, ma entrambe sono in positivo nei primi 8 mesi dell’anno

I dati diffusi da Nielsen riguardanti gli investimenti pubblicitari nel mese di agosto 2014 hanno ancora il segno negativo. Vediamo, grazie a Milano Finanza e Italia Oggi, nel dettaglio qual è la situazione dei principali broadcaster nazionali.

Mediaset vede calare la raccolta del 20% nei soli 30 giorni di agosto rispetto allo stesso mese del 2013, e del 4,5% da inizio anno, per un incasso complessivo di 1,26 miliardi. La flessione ha avuto conseguenze a Piazza Affari, dove il titolo del Biscione ha perso oltre il 5,3% scendendo a 2,66 euro e portando a -22,8% la performance dall’1 gennaio scorso.

Molto male anche il gruppo Cairo Communication; infatti La7 (al primo posto nella classifica della riduzione dei prezzi degli spot rispetto ai listini) ha perso il 15% di raccolta nel singolo mese e da inizio 2014 è in calo del 2,2% (97 milioni). Non a caso ieri il titolo della società controllata da Urbano Cairo ha lasciato sul terreno il 3,86% a 5,1 euro.

Anche Rai e Sky hanno perso rispetto ad agosto 2013: la tv pubblica il 20%, la pay tv di Murdoch il 10,44%, sebbene entrambe restino in positivo nei primi 8 mesi dell’anno.

Bene i canali kids di Discovery e Mtv, male Deejay tv che rispetto ai primi otto mesi del 2013 perde il 21,5%.

In generale il dato è confermato: il mercato degli investimenti pubblicitari ad agosto ha chiuso con un calo dell’11,3% rispetto allo stesso mese del 2013, registrando una riduzione tendenziale del -2,7% nel periodo gennaio-agosto, pari a circa 108,3 milioni in meno rispetto ai primi otto mesi dello scorso anno. Da segnalare che il mese di luglio si era chiuso a -0,5%.

La tv nel complesso è cresciuta dello 0,9% nel periodo cumulato gennaio-agosto ma ha chiuso il singolo mese con un pesante -18%.

dati publ

I Video di TvBlog