• Tv

Focus Ascolti TvBlog – Bilancio stagione 2013-2014: Tg4 Sera

Il bilancio auditel della stagione 2013-2014 dell’edizione della sera del Tg4.

di

Concludiamo la nostra carrellata sui bilanci stagionali sul fronte degli ascolti delle 7 testate giornalistiche delle nostre reti televisive, con l’edizione delle ore 19 del Tg4, mentre da domani ci occuperemo dei programmi del day time. Partiamo dunque dal dato medio stagionale (Settembre 2013-Luglio 2014) del Tg4 delle ore 19 che risulta essere di 779.000 telespettatori ed il 4,53% di share. Il dato risulta essere in calo rispetto alla stagione precedente (Settembre 2012-Luglio 2013) quando la media del Tg4 fu di 886.000 telespettatori ed il 5,11% di share.

Vediamo ora la composizione del pubblico che ha seguito abitualmente quest’anno il Tg4 e che risulta essere formato per il 60,65% da donne e per il restante 39,35% da uomini. Per quel che concerne l’età, la composizione del pubblico del Tg4 è la seguente: per il 62,15% da telespettatori con più di 65 anni, 15,22% 55-64 anni, 9,87% 45-54 anni, 5,91% 35-44 anni, 3,79% 25-34 anni, 1,70% 15-24 anni.

Passiamo ora alle classi socio economiche, dove abbiamo per il 30,05% la classe MA, 23,66% MB, 18,91% AB, 12,61% BB, 11,71% AA e per il 3,06% dalla classe BA. Per livello d’istruzione la composizione del pubblico che segue il Tg4 delle ore 19 è per il 47,08% con licenza elementare, 24,81% media superiore, 23,23% media inferiore, 3,70% laurea. I top share per target, partendo dal dato del totale individui che risulta essere del 4,53% di share, sono del 4,76% delle donne, del 7,73% della fascia d’età over 65, del 9,12% della classe AB e del 7,36% dei telespettatori che si sono fermati alla licenza elementare.

La regione italiana in cui il Tg4 ottiene la percentuale di share più alta risulta essere la Calabria con l’8,48% di share, seguita dalla Sicilia con il 6,68%, quindi c’è la Lombardia con il 5,57% di share. La regione in cui il telegiornale di Rete4 ottiene lo share più basso è la Valle D’Aosta con l’1,47% di share, seguita dalla Sardegna con il 2,06%, quindi c’è il Lazio con il 3,16% di share.