Nemico Pubblico: Giorgio Montanini dal 6 maggio su Rai 3

Giorgio Montanini sbarca nella seconda serata di RaiTre a partire del 6 maggio con Nemico Pubblico!


Se siete stufi di non ridere davanti alla tv, potrebbe esserci una buona notizia per voi. Il 6 maggio approderà nella seconda serata di RaiTre un nuovo show, Nemico Pubblico, scritto e interpretato da Giorgio Montanini, che si fregia di essere uno dei pochissimi rappresentanti della stand up comedy in Italia. Ventiquattro minuti di spettacolo che promette di essere politicamente scorrettissimo ci aspetteranno ogni martedì sera sulla terza rete Rai per sei appuntamenti da non perdere.

Schermata 2014-04-29 alle 14.36.42

Non è la prima volta che Montanini fa capolino in Rai. Era già comparso nello "sperimentale" show comico Aggratis ma adesso avrà in mano un programma tutto suo. E, per l'occasione, ha deciso di fondere insieme un linguaggio quasi del tutto inedito per la tv italiana, quello della stand up comedy, e una serie di candid camera che avranno sempre lui come protagonista in modo da dargli la possibilità di esprimere il proprio dissacrante punto di vista.

Un meritato approfondimento va al tema delle candid camera che, si spera con esiti diversi, ricordano un po' il meccanismo politicamente scorretto già visto in Giass. Infatti si tratterà di candid sociali. Cosa significa? Ecco come Montanini lo spiega nel corso di un'intervista rilasciata ad AnanasBlog:

“Candid sociale” è una sorta di connotazione di servizio. Non c’è nessun intento di nobilitare con termini ruffiani quello che facciamo. Saranno candid camera molto controverse, che cercheranno di mettere in evidenza il comportamento delle persone davanti a delle provocazioni molto forti. La candid intesa non come semplice scherzo, ma come termometro dell’emotività delle persone coinvolte. Come si comporta la gente davanti ad un padre che picchia il figlio dopo che quest’ultimo gli ha confessato di essere gay? E davanti ad un atto di razzismo o discriminazione? Ripeto però, non c’è nessuna intenzione di lanciare “un messaggio”, solo la voglia di spingerci un po’ più in là e vedere che succede. Ci vogliamo divertire e far divertire in modo caustico e scorretto.

Insomma, rideremo? Ci indigneremo? Non succederà nulla di tutto ciò? Per avere una risposta ci tocca aspettare il 6 maggio, ma, nel frattempo, nulla ci vieta di incrociare le dita e sperare che questa sia davvero la volta buona!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: