• Tv

American Horror Story 2: arriva “Bloody face”, un’altra puntata per Halloween e nuova sigla

Ryan Murphy ha rivelato alcune novità della seconda stagione di American Horror Story

Sono ancora poche le anticipazioni sulla seconda stagione di “American Horror Story”, ma una cosa Ryan Murphy l’ha garantita: non sarà necessario aver seguito la prima stagione dello show di Fx per immergersi nel mondo horror/thriller creato dall’autore per i nuovi episodi.

Ogni stagione della serie tv, infatti, ha un’ambientazione diversa, con tanto di nuovi personaggi, anche se alcuni di questi saranno interpretati da attori che hanno già fatto parte della prima stagione, con la differenza che i nuovi ruoli saranno totalmente opposti a quelli già interpretati. Quindi, rivedremo Zachary Quinto, Sarah Paulson, Evan Peters e Lily Rabe, oltre a Jessica Lange, protagonista di questa seconda stagione.

La Lange, infatti, interpreterà un’infermiera (definita dall’autore “un po’ cattiva ed un po’ eroina”), al lavoro in una casa di cura mentale gestita da una chiesa nel New England negli anni Sessanta, motivo per cui lo show avrà al titolo già noto l’aggiunta “Asylum”. Con lei, anche Joseph Fiennes, nei panni di un altro personaggio che la aiuterà a gestire il manicomio ed i suoi ospiti.

Nel cast, vedremo anche Jenna Dewan, Clea DuVall, James Cromwell, Mark Consuelos, Chloë Sevigny, Chris Zylka ed Adam Levine, protagonista della prima foto dal set (in alto), pubblicata da Murphy su Twitter qualche settimana fa.

Proprio questa immagine rivela uno dei protagonisti della stagione, composta da tredici episodi (ad ora ne sono stati scritti sette): al posto dell’ uomo di gomma, che aveva imperversato nella prima stagione, ci sarà “Blooy face”, il cui simbolo compare nel murales indicato da Levine nella foto.

Tra le poche informazioni che Murphy ha rivelato tramite Twitter, poi, anche la notizia che anche il secondo episodio sarà ambientato ad Halloween, motivo per cui, ipotizza l’autore, se Fx vuole mandare in onda questo episodio il 31 ottobre, la serie potrebbe partire una settimana prima (la data non è stata ancora ufficializzata).

Infine, la sigla: quella dell’anno scorso era ambientata nello scantinato della casa acquistata dalla famiglia protagonista, e forniva alcuni indizi sulle puntate in onda. Sarà così anche con la seconda stagione, sebbene debba essere ancora prodotta. Potrebbe inoltre cambiare anche la musica, mentre il font del titolo dovrebbe rimanere lo stesso.

[Via TvGuide]