Maurizio Crozza a Ballarò dell’8 aprile 2014 (VIDEO)

La copertina satirica di Crozza

La nuova puntata – in diretta su PolisBlog di Ballarò, il talk show di Rai 3 condotto da Giovanni Floris, si è aperta come di consueto con la copertina satirica di Maurizio Crozza.

Il comico è partito dalla notizia del giorno. Il Def, che per il Pd significa “divisi dall’ennesima faida”. A proposito del partito di cui è segretario il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, Crozza ha osservato:

Il Pd nei momenti decisivi ha la stessa consistenza del tonno: lo tagli con un grillino.

Spazio anche agli auguri rivolti a Gianroberto Casaleggio, che è stato operato al cervello; Crozza però ha tenuto a precisare che in realtà “è stato un aggiornamento software”.

Quindi Crozza ha preso di mira Giovanni Toti, presente in studio:

Stasera qualcosa da ridere c’è, c’è Toti in studio. Si fa per scherzare, Toti. Io faccio il mio mestiere, in attesa di scoprire quale sarà il suo.

Il comico ha dato all’ex direttore del Tg4 e oggi consigliere politico di Silvio Berlusconi dello ‘Yoghi’, per poi commentare a suo modo l’ormai famoso fuorionda di cuci è protagonista con la Gelmini:

Ma è un giornalista, come si fa a non accorgersi del microfono?! È come se Federica Pellegrini annegasse nel bidet!

Impossibile non fare riferimento al destino giudiziario di Berlusconi, che sarà noto con tutta probabilità giovedì prossimo.

Tra le regole che saranno imposte c’è quella di non frequentare pregiudicati. Per uno che è capo di Forza Italia questo potrebbe essere un problemino. Come se ad Alfonso dicessero: continua a fare i gran premi, ma smetti di frequentare i box.

Infine l’imitazione dell’ex Cavaliere, che confessa finalmente di aver compiuto un errore madornale: “l’aver tenuto Allegri per due anni” sulla panchina del Milan.

(Il video completo sul portale della Rai).

Ultime notizie su Maurizio Crozza

Tutto su Maurizio Crozza, comico genovese. Dalla copertina satirica di Ballarò alle trasmissioni su La7. Video dei monologhi e anticipazioni.

Tutto su Maurizio Crozza →