Painkiller Jane

Visto che parliamo di serie tv sci-fi, pare giusto segnalare una new entry nella produzione di lunga serialità americana, segnalata dai nuovissimi arrivati, i colleghi di Comicsblog. Si tratta di Painkiller Jane, ovviamente basata su una serie a fumetti (creata da Jimmy Palmiotti e Joe Quesada). Anche qui c’è un precedente, un film del 2005.

di

Painkiller JaneVisto che parliamo di serie tv sci-fi, pare giusto segnalare una new entry nella produzione di lunga serialità americana, segnalata dai nuovissimi arrivati, i colleghi di Comicsblog. Si tratta di Painkiller Jane, ovviamente basata su una serie a fumetti (creata da Jimmy Palmiotti e Joe Quesada). Anche qui c’è un precedente, un film del 2005. Nella serie, Kristanna Loken (vecchia conoscenza cinefila – Terminator 3: Rise of the Machines) è la protagonista femminile, Jane Vasko, un’agente della DEA assunta da un’agenzia governativa (segreta, ovviamente), per le sue abilità investigative ma anche per un suo superpotere: Jane è virtualmente indistruttibile, visto che guarisce rapidissimamente da qualsiasi ferita.

Nell’universo-blog l’ha segnalata anche Andrea Beggi, che la definisce

50% Alias, 50% Heroes.

In America siamo al quarto episodio di questa prima stagione. I risultati sono interessanti, ma prima di fare un bilancio occorre aspettare un po’: gli episodi di questa prima stagione sono 22. Nessuna notizia, invece, per quanto riguarda i diritti di un’eventuale messa in onda in Italia.