Cougar Wives, su Real Time è già cult: tutti pazzi per Hattie

E’ bastata una puntata per farla diventare un cult: Cougar Wives spopola sui social network grazie soprattutto alla 76enne Hattie.

E’ stata la storia di una notte, ma ci ha conquistato: Cougar Wives – L’amore non ha età ci ha sedotto con la prima puntata in onda ieri, domenica 15 dicembre, in seconda serata su Real Time. Uno speciale che TLC ha trasmesso nel dicembre dello scorso anno con interessanti risultati di ascolto e con il titolo di Extreme Cougar Wives, cui poi sono seguiti altri capitoli che vedremo nelle prossime settimane.

Il titolo originale (così come la più romantica versione italiana, Cougar Wives – L’amore non ha età), lascia pochi dubbi sull’argomento: storie d’amore tra donne adulte e giovanotti (semi)imberbi, appena ventenni (o poco più), innamorati o attratti da signore over ‘anta’ in cui rifugiarsi.

Il fenomeno non è certo recente, ma diciamo che ultimamente sembra essere molto trendy, nelle sue diverse forme. Alcune potrebbero essere catalogate sotto la voce ‘Io e la mia ossessione’, altre sembrano uscite dalla 30a edizione di Sex & The City.

Sotto la prima voce rubricherei la storia di Jude, 53enne, e di Kevin, bel 21enne che qualche anno prima frequentava sua figlia. Una conoscenza che si è trasformata in amore all’insaputa dei genitori di lui, che conoscono Jude come ‘manager’ del figlio, non certo come sua compagna, anzi ‘moglie pagana’. Eh sì, perché la puntata ruota tutta intorno al rito che li unisce in una sorta di matrimonio ‘mistico’. La mamma di Kevin non è contenta: la ‘nuora’ è più vecchia di lei. Ma tutto il loro docu-reality sembra talmente inverosimile (lei che esce dalla finestra mentre la ‘suocera’ spignatta in cucina e non si accorge di nulla, nonostante la troupe che segue i due per tutto il tempo) da far perdere di vista l’amore, puntando tutto sulla ‘stranezza’ della relazione.

Sullo stesso genere la storyline legata a Stephanie, vedova 65enne che ama, ricambiata, il barista 28enne Octavio, i cui amici non sono per nulla convinti della loro relazione, trovandola anche un tantino ‘perversa’

Ma la vera star della prima puntata è indiscutibilmente Hattie: 76 anni, divorziata da 27, taglio sbarazzino e uno sguardo killer. Per capire, una versione imbiancata e un tantino avvizzita di Samantha Jones di Sex & The City che non perde occasione per un appuntamento al buio, che pesca un 25enne (peloso) in piscina e che racconta che il suo ‘record’ è un 18enne col quale ha dormito (“diciamo che non ho proprio dormito”) alla tenera età di 75 anni. Ma se vi dico che il suo sguardo fa dimenticare il resto probabilmente pensereste che io sia pazza: ma vi lascio alla sua presentazione. Non importa che conosciate l’inglese: basta guardarla andare a passeggio, flirtare con l’omino del risciò, indossare con naturalezza un costume da bagno addirittura sexy.

 

Nonna Hattie ha conquistato tutti e poco importa che le reazioni delle sue giovani e occasionali conquiste possano essere condizionate da una telecamera. Hattie è la dimostrazione che l’età è uno stato mentale. O anche che bisogna ricordarsi di deporre le armi se non si è come lei. Il rischio del patetico è dietro l’angolo, come talvolta ci ricorda il trono Over di Uomini e Donne. Ma a proposito, a quando un trono Cougar e Toyboy?

Intanto domenica prossima secondo appuntamento con Cougar Wives: nell’episodio in onda (“This Cougar is Very Dangerous”) conosceremo la 59enne Jane, 59, la 50enne Sheri, soddisfatta dal/del suo compagno 26enne e la 70enne Loma, con i suoi reggiseni leopardati. Io però non vedo l’ora di vedere all’opera Jeraldine Donaldo, la creatrice di Love Boat che a 90 anni ha trovato un caliente amante latino e che sarà protagonista della terza puntata, “I’m Here to Inspire, Not Expire!”. La vediamo in basso col marito.

 

 

Il passo tra il genio e il trash è sempre molto labile: se le ‘cougar’ fossero tutte come Hattie, però, saprei bene come classificare il programma…