Auditel analizzerà anche Sky

I post che raccontano quotidianamente la guerra degli ascolti, curati con precisione e puntualità dal nostro Share, sono fra quelli che vi appassionano di più e raccolgono giornalmente centinaia di commenti. Bene, a breve la nostra rubrica dovrà tenere conto di dati nuovi.Dopo le polemiche degli scorsi mesi con il conflitto fra l’Auditel (società costituita

di

I post che raccontano quotidianamente la guerra degli ascolti, curati con precisione e puntualità dal nostro Share, sono fra quelli che vi appassionano di più e raccolgono giornalmente centinaia di commenti. Bene, a breve la nostra rubrica dovrà tenere conto di dati nuovi.

Dopo le polemiche degli scorsi mesi con il conflitto fra l’Auditel (società costituita principalmente dai due grandi gruppi televisivi italiani, Mediaset e Rai) e Sky che con la mediazione di Gentiloni si avviava ad conclusione positiva, la Corte D’Appello di Milano ha annullato il blocco della diffusione dei dati di share relativi al satellite stabilito da un’altra sentenza del tribunale nel 2005.
Lo scontro fra i contendenti è stato piuttosto aspro fino al dicembre scorso e lo scambio di accuse non è mancato, addirittura fu Mediaset a sostenere che Sky non volesse una verifica seria dei suoi dati d’ascolti in maniera dettagliata “per riuscire ad usare il dato unico di tutto il satellite attribuendolo interamente ad un grande evento in onda in quel momento” catalizzando così gli investimenti pubblicitari. L’amministratore delegato di Sky Italia, Tom Mockridge, aveva respinto al mittente l’insinuazione precisando che non erano stati loro a proporre l’azione legale nel 2005.

Ora si attende la delibera attuativa di Agcom che stabilisca i passaggi e le regole, ma non dovrebbe essere troppo complicato tenendo conto della disponibilità già acquisita di Auditel ad aprire il suo CDA a rappresentanti di Sky, modificare di conseguenza lo statuto della società e soprattutto ad apportare cambiamenti sul campione d’analisi adottando nuovi strumendi di misurazione, nuovi meter, in grado di consentire la stima degli ascolti del satellite in maniera completa, canale per canale.

Non sarà un lavoro semplice tenendo conto che il campione dovrà subire sostanziali modifiche e si dovranno considerare diversi aspetti, quali, ad esempio, la maggiore propensione dei 4 milioni di abbonati a Sky di utilizzare il servizio tenendo conto che spesso lo pagano piuttosto profumatamente.
Si tratterà comunque di dati che andranno a soddisfare più che altro una nostra curiosità visto che Sky aveva da tempo organizzato una rilevazione degli ascolti, oltre che per uso interno, da destinare all’attenzione degli inserzionisti.

I nuovi dati, secondo l’Ansa, dovrebbe cominciare ad affluire intorno al 5 febbraio prossimo.