Itis Galileo, Marco Paolini stasera torna su La 7 (e subito dopo l'approfondimento con Natascha Lusenti)

Marco Paolini
Marco Paolini torna su La 7, questa sera alle 21:10, con "Itis Galileo", spettacolo di teatro civile dedicato alla scienza in onda in diretta dai Laboratori sotterranei dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare del Gran Sasso, aperti per la prima volta alle telecamere e che ospiteranno l'evento, come sempre accade, senza interruzioni pubblicitarie.

Scritto da Paolini e da Francesco Niccolini, "Itis Galileo", nel ricordare col titolo il nome di una scuola qualunque, dove alle domande non seguono sempre le risposte, vuole rappresentare le difficoltà della scienza nell'affrontare princìpi ritenuti da molti incrollabili, sfidandosi anche con la superstizione.

"Galileo è usato spesso come simbolo della scienza libera contro la fede integralista", ha spiegato Paolini, "ma in realtà è uno che per campare fa oroscopi. Eppure ha la forza di guardare oltre. Guardare oltre il sistema di pensieri che reggeva il suo mondo (...), era invece assai ricco e complesso ma Copernico, Galileo e Keplero aprono altre strade che lo fanno invecchiare. Accade a tutti i sistemi fondati sulle certezze di invecchiare, accadrà probabilmente a buona parte dei nostri pensieri di diventare un giorno ‘scaduti’ e un po’ ridicoli."

Lo spettacolo è dedicato a Galileo Galilei, colui che riuscì ad andare contro le teorie del suo tempo rendendole obsolete, ma dovendone anche pagare le conseguenze. Questa dovrebbe essere la missione della scienza: agire, anche in solitaria, a volte fallendo ed altre rivoluzionando tutto ciò che la circonda. L'allestimento televisivo, inoltre, propone in chiusura il brano “Cirqus”, scritto appositamente dai Bandabardò.

La 7 proporre, poi, alla fine dello spettacolo, “L’importanza della carta stagnola”, approfondimento condotto da Natascha Lusenti insieme ai ricercatori dell' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che racconteranno gli esperimenti che conducono al suo interno, il rettore dell’Università di Padova Giuseppe Zaccaria e due ricercatori dell’ateneo saranno in collegamento dalla Cattedra di Galileo al Palazzo del Bo. Presente anche lo stesso Paolini, dalle sale dei laboratori sotterranei del Gran Sasso.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: