Francesca Michielin - I finalisti di X Factor 5

Francesca Michielin chiude il tour dei finalisti di X Factor 5: insieme a I Moderni e Antonella Lo Coco, sarà grande protagonista della finalissima di X Factor 5, alla quale manca ormai solo un giorno.

Giovanissima, classe 1995, Francesca è una vera e propria rivelazione, per questa edizione di X Factor. Anche perché nella corazzata della squadra delle under 24 di Simona Ventura (arrivata senza defaillance alla semifinale, e poi sgretolatasi di botto) sembrava quella destinata a cedere prima il passo, la meno sicura di sé, quella con meno chance anche a causa della giovane età. E invece ha resistito senza problemi ed è arrivata in finale, lasciandosi alle spalle Jessica Mazzoli e Nicole Tuzii e rimanendo l'ultimo baluardo della Ventura. Con un percorso netto come quello di Antonella, senza mai andare all'ultimo scontro.

Per le sue esibizioni, nell'ordine, Simona Ventura ha scelto: Someone Like You (Adele), La guerra è finita (Baustelle) - scelta criticatissima da Morgan - Tainted Love (Soft Cell) - Higher Ground (Stevie Wonder) - Confusa e felice (Carmen Consoli). Poi è stata la volta della prima puntata con doppia esibizione: The House of the Rising Sun (The Animals dal film Casinò) e You Shook Me All Night Long (ACDC). Infine, in semifinale, l'inedito Distratto e poi, nell'ultima prova, Roadhouse Blues (The Doors) e, a cappella (per la prima volta, visto che non era mai finita allo scontro finale) Che cosa c'è (Gino Paoli)

Il suo inedito, Distratto, è stato scritto a quattro mani da Elisa Toffoli (Elisa) e Roberto Casalino. Ed è, effettivamente, molto "elisizzante". Probabilmene, rispetto all'inedito di Antonella Lo Coco - che continua a essere data per favorita dai bookmakers - la canzone di Francesca è più facile da ricordare, quella più riconoscibile: si sente forte il marchio di fabbrica, insomma.

Il testo di Distratto

    Un'ora un giorno o poco più
    Per quanto ancora ci sarai tu
    A volermi male
    Di un male che fa solo male
    Ma non ho perso l'onesta
    E non posso dirti che passerà
    Tenerti stretto quando
    In fondo sarebbe un inganno
    E non vedi che sto piangendo
    Chi se ne accorge non sei tu
    Tu sei troppo distratto
    Un'ora un giorno o poco più
    Dicevi sempre è per sempre, si però
    Guarda cosa è rimasto adesso
    Che niente è lo stesso
    Se non fa rumore l'anima
    E quando sei qui davanti non s'illumina
    E' perché non ne sento più il calore
    Non ne vedo il colore
    E non vedi che sto piangendo
    Chi se ne accorge non sei tu
    Il tuo sguardo distratto
    E non vedi che sto fingendo
    E non mi guardi già più
    Col tuo fare distratto
    Un'ora un giorno o poco più
    Per quanto ancora ti crederò?
    Solo e perso e più confuso
    Non avresti voluto
    Vedermi scivolare via
    Fuori dalle tue mani ... che fantasia!
    Fuori dalla tua vita ma mi hai preso
    Soltanto in giro
    E ora vedi che sto ridendo?
    E chi mi guarda non sei tu
    Tu eri sempre distratto
    Ora che mi sto divertendo
    Chi mi cerca non sei tu
    Tu eri troppo distratto
    Strappa
    Le pagine
    Dei giorni con me
    Non mi rivedrai più
    Puoi bruciarle perché
    Non mi rivedrai
    E non mi ferirai
    E non mi illuderai
    E non sarà
    Non mi tradirai mai più
    Come credi
    Per un'ora un giorno forse un po' di più
    Non girava il mondo se non c'eri tu
    E non volermi male adesso
    Se non ti riconosco