Tanti auguri Gerry!

Oggi è un anniversario speciale per la televisione italiana: l’amabile e autentico presentatore Gerry Scotti compie 50 anni. Tv Blog non può che unirsi all’augurio di buon compleanno generale, ripercorrendo la sua brillante carriera con doverose attestazioni di merito e qualche osservazione. Superato il giro di boa del mezzo secolo, il nostro, che ama ”la

gerry scottiOggi è un anniversario speciale per la televisione italiana: l’amabile e autentico presentatore Gerry Scotti compie 50 anni. Tv Blog non può che unirsi all’augurio di buon compleanno generale, ripercorrendo la sua brillante carriera con doverose attestazioni di merito e qualche osservazione.
Superato il giro di boa del mezzo secolo, il nostro, che ama ”la politica dei piccoli passi” e si definisce ”un onesto operaio della televisione”, è sicuramente l’esempio lampante di un’ammirevole professionalità mai intaccata dall’ambizione.
Si è sempre mantenuto fedele alla sua azienda, nobilitandone la missione commerciale e rivolgendosi con dedizione a un target familiare.
Il suo primo amore è stato la radio, il cui spirito genuino ha voluto trasfondere nella tv senza rinnegare nè permettere ad alcuno di strumentalizzare il suo entusiasmo iniziale.
Proprio ora che si apre una nuova stagione esistenziale per l’uomo Gerry – o dovremmo dire Virginio che è il suo vero nome – è vicina anche la svolta professionale.
Colui che si era guadagnato il titolo di re dei quiz – raccogliendo l’ambiziosa eredità di Mike Bongiorno – ha deciso di dedicarsi anche ad altro, recuperando la vocazione di speaker sulle frequenze dell’emittente R101, dove conduce la rubrica quotidiana ‘Il quesito del fagiano’ all’interno del morning show ‘La Carica di 101’, dal lunedì al venerdì.
Alla presenza on air si è aggiunta da poco anche la carica di vice presidente della società che gestisce le attività radiofoniche di Mondadori, la Monradio.
Inoltre, dopo l’esperienza della sitcom, darà una nuova prova di attore al fianco di Lino Banfi nel sequel del fortunato film tv Il mio amico Babbo Natale.
Il preserale lo vedrebbe comunque, dall’anno prossimo, al timone di Chi vuol essere Milionario, presumibilmente con una programmazione ridotta per via dell’alternanza con lo storico avversario in arrivo dalla concorrenza.
Mentre è stato archiviato in tv l’ulteriore restyling di Passaparola – che si sarebbe trasformato in un reality quiz – il format originario non è del tutto caduto in disgrazia, ma si appresta ad essere rivitalizzato in radio per voce dello stesso Gerry.
Per ora, ritroveremo Scotti al timone di Paperissima in versione Gold, pronto a rifare coppia fissa con la Hunziker dopo il flop di Chi ha incastrato lo zio Gerry?. Siamo sicuri che, in attesa della nazionalpopolare Corrida, sia la trasmissione più adatta per valorizzarne la bravura?
Comunque vadano le cose, per il fedele pubblico di Gerry Scotti, abituato a vedere il suo faccione rassicurante nel preserale Mediaset, non sarà poi così automatico abituarsi ad Amadeus e per giunta senza la sua Eredità.
Chissà che gli ascolti non cambino le carte in tavola, riportando Scotti alla sua insostituibile poltrona.