Falling Skies 3, anticipazioni e trailer

Remi Aubuchon, showrunner di Falling Skies, ha anticipato cosa succederà nella terza stagione della serie tv di Tnt, in onda questa notte. Tom dovrà affrontare nuove sfide, mentre si scoprirà l’obiettivo del nuovo alieno visto nell’ultima puntata

Partirà questa notte, in America, la terza stagione di “Falling Skies”, che debutta su Tnt con un doppio episodio che ci riporterà davanti alla lotta tra i cattivi alieni che hanno invaso la Terra e la Second Mass di Tom Mason (Noah Wyle).

-Attenzione: spoiler-
La situazione sembra cambiata rispetto all’ultima puntata andata in onda: non solo perchè un nuovo alieno dagli obiettivi ignoti è atterrato davanti ai protagonisti, ma anche perchè Tom, Anne (Moon Bloodgood) ed il resto del gruppo dovranno affrontare nuove sfide non solo contro i perfidi extraterrestri ma anche tra di loro.

TvLine ha intervistato Remi Aubuchon, showrunner della serie, per capire come si evolverà la storia. I nuovi episodi punteranno di più sull’azione, e si concentreranno sulla scelta di Tom di guidare la resistenza umana:

“La terza stagione avrà molta azione, ed il tema sarà ‘la vittoria a che prezzo?’. In altre parole, quanto si è disposti a sacrificare qualcosa? Da quando seguiamo Tom, è il suo dilemma. Ora è il ‘Presidente dei Nuovi Stati Uniti’, qualsiasi cosa voglia significare. Ha deciso di allearsi con gli alieni [visti nel finale dell’ultima puntata andata in onda] che hanno le tecnologie per sconfiggere gli extraterrestri nemici. Ma allo stesso tempo, la sua famiglia sta attraversando delle crisi a cui lui non presta attenzione. Ed anche la sua bussola morale sarà duramente messa alla prova, perchè vuole la vittoria finale e sembra pronto ad ottenerla in ogni modo”.

Ci sarà, poi, un salto temporale di sette mesi rispetto alle vicende della seconda stagione. Lo showrunner, che ha ammesso che non ci saranno flashback (“E’ una delle regole di Steven Spielberg) spiega così i motivi di questa scelta:

“Penso si sarebbe potuto raccontare la storia della conoscenza dei nuovi alieni, di Tom che decide di restare e di diventare Presidente, della gravidanza di Anne, ma abbiamo pensato che sarebbe stato molto più eccitante entrare nel mezzo della storia, e lasciare che sia il pubblico a capire cosa sia successo. Ho anche pensato che sarebbe stato un modo per arrivare al momento della crisi di Tom”.

A proposito di Tom, ci si concentrerà sulle sue scelte e sulle conseguenze che il suo nuovo ruolo avranno:

“Quando sei un professore parli degli altri presidenti, sembri capace di inserire la storia all’interno di un contesto ordinato e lineare. Quindi penso che ci sia qualcosa di interessante nel vedere uno studioso avere a che fare col lavoro di presidente vero e proprio. Tom è un personaggio interessante perchè possiamo tutti identificarci in lui -voglio dire, è intelligente, è coraggioso, ma non è Arnold Schwarzenegger-. Non è un eroe che uccide chiunque. Quindi vederlo prendere decisioni cruciali è interessante e certamente Noah ha fatto un grande lavoro nel mostrare la sua difficoltà nel trovare il giusto percorso”.

Tom avrà anche a fare con la gravidanza di Anne, che avrà delle sorprese. Quanto dovremo aspettare per capire cosa le sta succedendo?

“Molto velocemente, davvero. Vedrete degli indizi delle complicanze della sua gravidanza, e la domanda sarà ‘E’ nella testa di Anne o è reale?’. Ce ne occuperemo per tutta la stagione, ma sapremo cosa sta succedendo a metà stagione”.

Tra i personaggi su cui ci si concentrerà, c’è Hal (Drew Roy), che ora sembra controllato dagli alieni:

“Sappiamo che Karen (Jessy Schram) ha fatto qualcosa ad Hal, ed abbiamo visto qualcosa entrare nel suo orecchio. Ma non sappiamo le conseguenze. Quello che sempre amato di Hal è che si arrabbia, agisce ed ama velocemente. Manifesta apertamente i suoi sentimenti, si mette tra qualcuno ed un proiettile. E’ un bravo ragazzo, ed amo l’idea che ora debba confrontarsi con questo terribile segreto”.

La sua storyline sarà legata a quella di Maggie (Sarah Sanguin Carter), che dovrà ammettere di essersi affezionata a lui:

“Maggie è una che ha sempre detto di non riuscire ad avere una relazione con qualcuno per più di qualche mese. Ma l’ha fatto con Hal, ci tiene a lui. Il suo viaggio, come ha detto bene Sarah, è capire il valore dell’amore. E sarà messa duramente alla prova non solo perchè ne dovrà passare tante, ma perchè dovrà farlo con Hal”.

Per quanto riguarda il nuovo alieno arrivato, Aubuchon spiega che servirà alla resistenza umana per fare dei passi avanti nella loro lotta. Ad interpretarlo, l’attore Doug Jones:

“Abbiamo gli Skitter, che cono strani e brutti, e gli Overlord che li comandano. Ma volevamo un personaggio che interagisse con il nostro cast, che fosse d’aiuto. Solo Doug poteva dare vita ad un costume di gomma come questo. Ha trovato in questo personaggio non solo un alieno ma un essere pensante e con dei sentimenti che ha a che fare con una specie che non ha mai incontrato”.

Infine, anche Pope (Colin Cunningham) cambierà: se prima era un duro ribelle, ora inizierà a diventare importante per il gruppo:

“Pope è un tizio interessante perchè parla tanto ma poi ha bisogno della gente di Charleston, della Second Mass, in un modo particolare loro hanno bisogno di lui. Quindi questa stagione presenterà un Pope più maturo. Ha ancora le sue lamentele e fa ancora i suoi discorsi in cui dice che tutto sta andando in rovina, ma alla fine sarà molto importante nel corso della terza stagione. Imparerà delle cose da Tom Mason e viceversa che non avrebbe mai pensato fosse possibile”.