• Tv

Twivo, l’applicazione per bloccare gli spoiler dei telefilm su Twitter arriva da una 17enne americana

Jennie Lamere, ragazza di 17 anni del New Hampshire, ha inventato Twivo, un’applicazione per Google Chrome che blocca gli spoiler sulle serie tv pubblicati su Twitter. Ha vinto il primo premio al TVnext Hack, e la sua idea potrebbe diventare fruibile a tutti

Non sopportate quando qualcuno su Twitter si concede la libertà di commentare l’ultima puntata di una serie tv che non avete ancora visto? Non amate il download selvaggio e preferite che i telefilm arrivino doppiati sulla tv italiana, e per questo vorreste stare lontani da eventuali spoiler cinguettati da account ufficiali e fan? Twivo è l’applicazione che fa per voi, e presto potrebbe essere a disposizione di tutti.

Il meccanismo è molto semplice: l’applicazione è un plug-in che funziona al momento solo su Google Chrome. Una volta installata, la si può impostare decidendo quali tweet di determinati account si vogliono oscurare e per quanto tempo. Se, per esempio, seguite “The Walking Dead” su Fox Italia e non volete che nella giornata successiva alla messa in onda americana vi venga rovinata la sorpresa di quello che è successo nell’ultimo episodio, basterà impostare il blocco per gli account che seguite su Twitter e che potrebbero darvi anticipazioni (inserendo come parole chiave il titolo della serie tv). Il risultato è quello che vedete nella foto in alto: i tweet compaiono regolarmente, ma il loro contenuto sparisce.

Un’idea semplice ma geniale, che potrebbe servire soprattutto ai telespettatori che non seguono un telefilm in tempo reale o in lingua originale e che sono costretti a subire le anticipazioni da account di siti specializzati o dagli amici. Dietro Twivo non si nasconde chissà quale grande compagnia, nè tantomeno una casa di produzione che vuole proteggere i fan da spoiler inattesi, ma Jennie Lamere, una ragazza di 17 anni del New Hampshire.

Jennie non solo ha creato l’applicazione in sole dieci ore, ma ha anche vinto il primo premio al TVnext Hack di Boston, manifestazione dedicata agli sviluppatori di applicazioni per il computer. Jennie, unica tra i concorrenti a lavorare da sola e non in gruppo (ed unica ragazza in gara), si è portata a casa la somma di 2.500 dollari, ma soprattutto è in trattativa con Furious Minds, casa di produzione tecnologica, per sviluppare l’applicazione e renderla fruibile a tutti.

Se Twivo fosse uscito qualche mese fa, Kevin Bacon si sarebbe stato meno in dovere di scusarsi quando, per sbaglio, ha ritwittato un tweet a proposito di un colpo di scena di “The Following”. Ma un’applicazione del genere potrebbe davvero risultare utile per molti fan che devono fare lo slalom per evitare l’anticipazione che non vogliono sapere. Per Jennie questo sembra solo l’inizio: da grande vuole andare a lavorare per Google, e con Twivo il suo curriculum non ha bisogno di essere oscurato, anzi.

I Video di TvBlog