MIPFORMATS / La ricerca di C21 e due nuovi format di Dick De Rijk: You Deserve It e Money Grabbers

MipFormats - Dick De Rijk
In una Cannes assolata e primaverile, si è aperto ieri il MipFormats, un giorno e mezzo di conferenze, eventi e confronti tra produttori, creativi e responsabili di canali televisivi che lunedì 4 aprile saranno impegnati nel grande mercato televisivo mondiale che è il MipTv.

“La quiete prima della tempesta” è la prima immagine che mi viene in mente perché se oggi il confronto tra “televisivi” è molto sereno, conciliante, aperto, da domani comincia la frenesia, o meglio, la battaglia per vedere, comprare, vendere, opzionare per primi i diritti televisivi di quella chimera che oggi è semplicemente al centro della discussione: il format.

Comincio dallo studio che è stato presentato ieri, in apertura del MipFormats, da David Jenkinson, direttore di C21Media, società inglese che si occupa di monitorare il mercato televisivo internazionale: una ricerca, svolta tra febbraio e marzo di quest’anno e che ha coinvolto 234 produttori di tutto il mondo, per capire quali sono le tendenze del mercato televisivo dei format per il prossimo futuro.

Riassumo qui, schematicamente, i risultati più significativi.

MIPFORMATS
MIPFORMATS
MIPFORMATS
MIPFORMATS

Quali format perderanno popolarità il prossimo anno?
1. Reality basati sull’eliminazione dei concorrenti
2. Programmi di cucina
3. Talent shows

Auspicando che la fine del reality non sia troppo lontana (anche se gli annunci di “morte del reality” stanno accompagnando da anni la sua vita…), leggendo questa breve lista, la prima domanda che viene in mente a un italiano è: tolti questi generi, di che cosa si potranno farcire i palinsesti delle nostre tv generaliste e non solo? Staremo a vedere…

Quali format raggiungeranno maggiore diffusione il prossimo anno?
1. Documentari
2. Factual entertainment
3. Format che coinvolgono i social network

Qual è il format più innovativo dell’ultimo anno?
1. Million Drop Pound (il programma Endemol che Gerry Scotti condurrà prossimamente su Canale, come anticipato da Malaparte)
2. One Born Every Minute (in onda nel Regno Unito su Channel 4)
3. The Voice of Holland (il programma di Talpa Media di cui abbiamo già parlato e pubblicato il trailer mesi fa; strepitoso successo in Olanda, a breve verrà prodotto in Francia e America, forse in Italia)

Quali nazioni sono più interessanti per la produzione e acquisizione di format?
1. Regno Unito
2. Olanda
3. Stati Uniti
4. Norvegia
5. Svezia
6. Finlandia
7. Israele
8. Belgio
9. Brasile
10. Giappone

Purtroppo in questa lista non compare l’Italia che, a parte qualche caso isolato (“I Migliori Anni” e “Ti lascio una canzone” sono i due primi esempi che mi vengono in mente), non è abituata a scommettere sulla creatività dei propri autori, ma preferisce affidarsi a adattamenti di format stranieri e qui la lista dei successi, ma anche di clamorosi insuccessi, sarebbe troppo lunga...

Gli altri momenti salienti della giornata di ieri e di cui vi relazionerò a breve, sono stati: la presentazione di Virginia Mousler (The Wit) dei nuovi format di factual entertainment; la presentazione dei progetti finalisti della seconda edizione del Fresh Talent Pitch, concorso per nuovi format non ancora prodotti; l’assegnazione del premio alla creatività a Dick de Rijk, ideatore di “Deal or no deal” (che ha ben 80 adattamenti nel mondo, “Affari tuoi” in Italia).

Dick de Rijck ha presentato in anteprima due nuovi game: “You deserve it” e “Money grabbers”, entrambi distribuiti da SevenOne International.

Il claim di “You deserve it” è “meglio dare piuttosto che ricevere” e la novità di questo game è proprio che il concorrente gioca per vincere non per se stesso, ma per una persona cara – un amico o parente - che merita (come dice il titolo: “Te lo meriti”) la cifra accumulata nel corso del gioco. Il game unisce la formula classica del gioco in studio con elementi di reality, per raccontare il legame emotivo tra il concorrente e la persona prescelta come destinatario della vincita. Quest’ultimo è totalmente all’oscuro di tutto e solo alla fine della puntata, in un collegamento a sorpresa con lo studio dove si svolge il gioco, scopre di essere il destinatario della somma di denaro vinta dal concorrente, generoso amico o parente che tutti sognano…

In “Money Grabbers” i concorrenti sono chiusi in una campana di vetro trasparente che all’improvviso potrebbe riempirsi di banconote… potrebbero essere milioni di dollari, dipende da quanto astuto e veloce è il concorrente perché ogni round si compone di 7 domande e il concorrente ha solo 5 secondi per rispondere. Molto spettacolare per l’impianto scenico, con valigette piene di soldi, tubi che trasferiscono dollari dal deposito alla cabina del concorrente, ventole che creano tempeste di banconote, bisognerà attendere di vederlo in onda per capire se sarà il nuovo game del futuro.

  • shares
  • Mail