Come un delfino visto da oltre 7 milioni. Raoul Bova annuncia un seguito e Pier Silvio Berlusconi e Giancarlo Scheri si complimentano

Raoul Bova
Come un delfino
Come un delfino
Come un delfino
Come un delfino

Dopo lo straordinario risultato di Come un delfino, seguito su Canale 5 nella prima parte da oltre 6 milioni e il 23% e nella seconda addirittura da 7 milioni 345mila telespettatori con il 27% di share e picchi di 8 milioni, ci sarà un seguito. Ad annunciarlo è lo stesso protagonista e co-produttore (con la Sanmarco che gestisce con la moglie Chiara Giordano) della miniserie Raoul Bova. L'attore in una dichiarazione rilasciata all'agenzia Ansa ha tenuto a ringraziare il pubblico e il regista Stefano Reali che sin da subito ha creduto in questo importante progetto collaborando attivamente al casting e alla sceneggiatura.

    Aggiornamento: anche Pier Silvio Berlusconi fa i complimenti a Raoul Bova per i risultati della fiction:
    "Il pubblico ha premiato una fiction di cui Mediaset è orgogliosa di essere editore. “Come un delfino” è una storia di forte impegno umano e civile, capace di mettere in evidenza i valori positivi dello sport inteso anche come occasione di riscatto. E non va sottovalutato che un prodotto di così grande qualità educativa sia stato offerto dalla tv commerciale. Grazie quindi a Raoul Bova, protagonista ma anche coproduttore con Mediaset della miniserie".

"Per la Sanmarco questo successo è un attestato di qualità che ci riempie d'orgoglio, perchè con un prodotto così curato nella musica di Ennio Morricone, nella regia di Stefano Reali, nella sceneggiatura e nel cast, è stata premiata l'originalità, non comune per i canoni della fiction tv nostrana. Credo di aver aver dimostrato che questa idea della produzione non era una semplice velleità dell'attore popolare".

Una miniserie che ha saputo intrattenere un folto pubblico, di giovani ma non solo, a cui il messaggio era principalmente rivolto. Un importante messaggio sociale che ha fatto sì che Come un delfino, girato a Roma ma anche nella meravigliosa natura incontaminata delle Eolie e della Sicilia, sia stato proiettato anticipatamente a Scampia e a breve sarà trasmesso anche al Parlamento Europeo a Bruxelles. Visto il successo, è logico che si prosegua:

"Si sta pensando ad un proseguimento di questa storia che affronti insieme sport e sociale. Nei prossimi giorni ne parleremo con i vertici Mediaset per vedere come sviluppare al meglio Come un delfino, immaginando una miniserie sequel con gli stessi ragazzi protagonisti, oppure una nuova serie in sei puntate".

Raoul Bova
Anche il direttore della Fiction Mediaset Giancarlo Scheri si congratula per il risultato di Come un delfino in una nota diffusa poco fa da Cologno Monzese. Il dirigente ha in particolare segnalato quanto la fiction sia piaciuta molto al pubblico giovane e femminile (28% tra bambini e ragazzi e 25% di donne).

“Il grande successo di questa fiction non é solo il risultato di un prodotto meravigliosamente scritto, diretto e recitato, ma anche la dimostrazione che il pubblico apprezza le grandi storie ricche di contenuti sociali: la lotta alla criminalità, lo sport inteso come strumento per il riscatto sociale, il suo alto valore formativo ed educativo sui giovani.”

E ringrazia tutti coloro che hanno creduto e collaborato a questo importante progetto:

“Voglio ringraziare Raoul Bova che di questa fiction non é solo il magistrale protagonista ma anche, insieme a sua moglie Chiara Giordano, il produttore. E poi Stefano Reali, grande regista e, insieme a Peter Exacoustos e Chiara Laudani, sceneggiatore. Tutto il cast, da Ricky Menphis a Maurizio Mattioli a Barbara Bobulova a tutti i ragazzi. E poi, il maestro tra i maestri Ennio Morricone, autore di una colonna sonora memorabile. Un ringraziamento particolare va anche a tutti coloro che ci hanno aiutato alla costruzione di questo meraviglioso progetto, in particolare il CONI, la FIN e la Polizia di Stato.”

Come un delfino è stato prodotto dalla Sanmarco Film insieme a RTI. Insieme a Raoul Bova, Ricky Memphis nel ruolo di Don Luca; di Barbara Bobulova in quello del giudice minorile e di Maurizio Mattioli in quello di Spartaco. Intorno a loro un cast di giovanissimi attori, alcuni alla loro prima esperienza tv. Un successo che dimostra una volta di più come il pubblico sia sempre più alla ricerca di storie semplici, di valori importanti e stia sempre più allontanandosi da quelle più cupe e ansiogene.

Come un delfino

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: