Pier Carlo Guglielmi a TvBlog: “Su Italia1 oltre a Glee e Vampire, ritornano Gossip Girl, Chuck, House, Grey’s, Nip/Tuck e I Liceali 3” [1° p.]

Come vi abbiamo più volte anticipato nei giorni scorsi, in occasione del lancio di Glee dal 10 gennaio con una promozione senza precedenti e anche di The Vampire Diaries in prima serata dal 15 dicembre, abbiamo pensato di rivolgere alcune domande a Pier Carlo Guglielmi, responsabile area diritti e palinsesto di Italia 1. In questa

di share


Come vi abbiamo più volte anticipato nei giorni scorsi, in occasione del lancio di Glee dal 10 gennaio con una promozione senza precedenti e anche di The Vampire Diaries in prima serata dal 15 dicembre, abbiamo pensato di rivolgere alcune domande a Pier Carlo Guglielmi, responsabile area diritti e palinsesto di Italia 1. In questa intervista esclusiva (che pubblicheremo in due parti), ricca di anticipazioni e titoli, Guglielmi spiega in dettaglio il motivo della collocazione di Glee nella fascia preserale, fascia che poi vedrà l’arrivo anche di altri prodotti in prima tv come “Gossip Girl” e, forse, “Chuck” e annuncia l’approdo di un prodotto di fiction sulla rete giovane del Gruppo Mediaset, “I Liceali“. Si tratta di un’intervista molto completa, che vi invitiamo a leggere per intero in ambo le parti per non perdervi nessuna anticipazione. Buona lettura!

    Update: nei commenti dell’intervista qualcuno ha ipotizzato che la serie “Glee” in onda dal 10 gennaio alle 19:30 sarà censurata. Ebbene, abbiamo ricevuto notizia ufficiale dalla rete che le puntate che andranno in onda saranno le medesime trasmesse da Fox sulla piattaforma di Sky. Nessuna censura quindi come si era detto. Glee verrà trasmesso in versione integrale.

Dott. Guglielmi, partiamo dall’ultima novità che riguarda Italia 1 e in particolar modo la sua struttura, la promozione su Glee con tutte le star della rete. Puntate molto su questo telefilm?

Glee è un prodotto che ci è sempre piaciuto, abbiamo lottato tanto per averlo, cosa peraltro non scontata. Ha una scrittura bellissima molto approfondita, personaggi ben caratterizzati, un forte meccanismo identificativo, elemento che spesso accompagna un telefilm di successo: nella serie è ben presente infatti la lotta per il raggiungimento di un ideale, di una passione e una rivincita contro le superficialità dei luoghi comuni. E’ una serie con aspetti legati al musical e un valore aggiunto nella scelta musicale, con temi sempre conosciuti e spesso molto attuali (Madonna, Lady Gaga o Britney Spears)”.

Per questo motivo avete deciso di realizzare una campagna promozionale con tutti i volti della rete?

“Credo che sia una scelta innovativa, abbiamo mobilitato tutta la Rete, abbiamo ideato la campagna con l’ufficio stampa insieme a Marco Bertini che è il Responsabile della Promozione di Italia 1 e ha avuto approvazione piena del direttore di Italia 1, Luca Tiraboschi. Abbiamo coinvolto tutti i volti della Rete come se da parte loro ci fosse un abbraccio virtuale verso questa serie, e poi se vogliamo è giocata in chiave autoironica, facendo il segno della L (che come tutti sanno simboleggia l’appellativo di loser). Sarebbe stato più semplice recuperare i promo esistenti o mandare un estratto di una canzone, ma sarebbe stato più banale e, siccome crediamo molto in questo prodotto, abbiamo deciso di investire sulla promozione con una campagna adeguata”.

GleeCredete così tanto in questo prodotto ma lo mandate in una fascia, come quella preserale, che finora almeno non ha reso dal punto di vista degli ascolti. Perché non avete testato il prodotto in prima serata o nel primo pomeriggio?

“In realtà c’è dietro un discorso più ampio. Questa scelta è un mix tra esigenze di palinsesto e miglioramento dell’offerta. Il palinsesto di Italia 1 ha uno slot strategico di un’ora fra le 19:30 e le 20:30, posto fra le edizioni serali dei TG ed il Game dell’access prime time. Storicamente abbiamo presidiato questa fascia con i prodotti da 30’, sia di animazione che sit-com. E’ proprio la crisi del mercato sitcom statunitense e la conseguente carenza di prodotto di valore che ci ha spinto a ragionare anche su alternative drama (quindi da 60’) per questo slot. Da un’esigenza quindi di palinsesto abbiamo provato a innovare con qualcosa che potesse diventare anche un miglioramento della nostra offerta: Italia 1 ha una serie di prodotti cult oggi come oggi spesso rischiosi per la prima serata, tipo “Gossip Girl“: nel recente passato abbiamo provato a mandarli in prime time ma poi, facendo i conti con i risultati che dobbiamo garantire agli investitori, siamo stati costretti a spostarli creando malumore nei telespettatori. La scelta della fascia preserale va in direzione di una stabilità di programmazione per serie che riteniamo importanti, ma a rischio per il prime time. Questo delle 19:30 è uno slot molto importante ma che ci consente maggior margine di manovra rispetto vincoli commerciali della prima serata: come avvenuto con “The Big Bang Theory” per esempio, ci potremo permettere di mantenere in onda una serie anche se dovesse fare il 4% nel rispetto della continuità del prodotto e del telespettatore. E quella di vedere il proprio telefilm preferito quotidianamente alle 19:30 potrebbe diventare un’abitudine anche per loro. Si tratta di un cambio innovativo, sperimentale, e quindi abbiamo scelto il prodotto di punta per accendere questo nuovo slot: mi riferisco proprio a “Glee“, che comunque –non va dimenticato- si andrà a collocare in una fascia che per quanto riguarda gli individui va dai 17.500.000 ai 22.500.000 di spettatori, l’equivalente di una prima serata di giugno e non di certo paragonabile ai 7-8 milioni del pomeriggio. Anche da ciò si intuisce che non è casuale lo sforzo promozionale della Rete”.

Glee
Glee
Glee
Glee
Glee
Glee
Glee

The Vampire Diaries
Come proseguirà la promozione di Glee da qui al 10 gennaio?

“Abbiamo avuto in onda solo i bumpers che annunciavano con i volti della rete ‘Gleetalia Uno’. Da lunedì 6 dicembre va un promo di 30” che accorpa tutti i bumpers, poi arriveranno quelli dei telespettatori, la cui raccolta di video sta avendo un ottimo successo. Dal giorno di S. Ambrogio trasmettiamo una promo-song di 1 minuto con il motivo cult ‘Don’t stop believing’. Da Natale partiremo con promo singoli sui vari personaggi e poi a ridosso della messa in onda l’ultima settimana, avremo un promo di raccolta che lancerà la serie in modo più istituzionale”.

Glee è il primo di una serie di prodotti che arriveranno in quella fascia. Quali saranno gli altri?

“Fermo restando che dobbiamo vedere i risultati in onda, la nostra intenzione al termine di questa serie sarebbe quella di proporre la terza stagione in prima tv di “Gossip Girl” (magari raccontando prima le stagioni precedenti). E poi più avanti ci piacerebbe valorizzare il telefilm “Chuck”, che ci piace tantissimo e crediamo possa funzionare molto in quella fascia nonostante rispetto ai predecessori sarebbe più di stampo maschile. E’ una serie che per vari motivi non è stata valorizzata come avrebbe meritato e pensiamo che in questo slot possa andare bene abbandonando la seconda serata”.

Pensate che Glee non sia pronto per la prima serata, ma nello stesso slot manderete The Vampire Diaries, dal 15 dicembre. Non è questo un azzardo?

“Un bellissimo azzardo, voglio rivelarvi che questa serie avremmo voluto mandarla già subito in Prime Time l’anno scorso, ma abbiamo dovuto rispettare una corretta richiesta di primo passaggio su Premium, prima di poterlo proporre sulla generalista. Sfumata la possibilità del primo passaggio assoluto, Vampire Diaries sarebbe potuto andare nello slot preserale dopo Glee, ma poi abbiamo pensato che potesse essere rischiato in prime time. Rispetto a “Glee”, che probabilmente parte da un pubblico più femminile, questa serie, trattando di un racconto vampiresco e una storia d’amore, si può incastrare più facilmente con la programmazione di Canale 5. Avrà il bollino rosso ma sarà alternativo all’offerta più familiare di Paperissima sull’ammiraglia”.

Nip/Tuck
Andrà in onda tagliato o censurato?

“No, non sarà né tagliato né censurato. Andrà in onda in versione integrale”.

Anche per The Vampire Diaries avete previsto una campagna promozionale ad hoc?

“Sì, per questo prodotto abbiamo pensato ad una promozione particolare che è partita da alcuni giorni. L’idea è stata quella di lavorare sul tema del Natale: lanciando la serie il 15 dicembre quando in tutti i canali saranno tutti più buoni, abbonderanno renne, alberi di Natale, fatine, abbiamo pensato di giocare sull’atmosfera realizzando una serie di promo con il claim ‘L’amore è una questione di sangue’. Il primo vede Babbo Natale in uno chalet su un dondolo a prima vista dormiente che poi, allo zoom sul suo collo, mostra i tipici due fori del morso del vampiro, seguito dal logo di The Vampire Diaries. Questo promo andrà avanti per una settimana per poi essere affiancato da due più istituzionali, uno più sentimentale sulla storia tra i due protagonisti e l’altro più action”.

Oltre a Vampire e Glee, quali saranno le altre serie che vedremo prossimamente su Italia 1?

“Ad inizio primavera intesa come stagione televisiva quindi da gennaio, partirà la nuova serata Crime con un doppio episodio di “CSI:NY“, un doppio della seconda stagione di “Fringe” e 1 di “Saving Grace“. Poi torneremo al classico con la serata Doc: avremo la settima stagione di “Dr. House” in prima tv assoluta, poi la sesta stagione di “Grey’s Anatomy” e la quinta e la sesta di “Nip/Tuck” ideato da Ryan Murphy lo stesso di Glee”.

Nient’altro?

“Senza poter specificare quando perché ancora le decisioni sulla collocazione non sono definitive, avremo “V” che arriverà finalmente su Italia 1 e “Human Target” entrambi in prima serata. In più, sulla produzione italiana avremo, e questa è una grande novità per noi, la terza stagione de I Liceali in prima tv”.

I Liceali su Italia 1. Un ritorno ai tempi passati quando la rete spopolava con I Ragazzi della 3° C che stiamo rivedendo su Mediaset Extra. Come mai?

“Il cast dei professori è rinnovato e più giovane rispetto alle prime due stagioni e il prodotto continua ad essere molto ben fatto. Siamo contenti di trasmetterlo e speriamo possa avere un ottimo consenso anche dal nostro pubblico. Chissà che non possa diventare un’abitudine”.

E più avanti cosa vedremo?

“Da qui all’estate trasmetteremo la seconda stagione in prima tv di “Royal Pains“, poi dovremmo avere “Rookie Blue” (un Grey’s Anatomy in versione poliziesca), forse “Nikita” ed infine speriamo anche di poter programmare “White Collar“, un Arsenio Lupin dei tempi moderni”.

Continua…
(nella seconda parte tra l’altro, parleremo delle novità della mattina e del pomeriggio, i film in arrivo tra cui Twilight, e le nuove serie acquistate che prossimamente verranno trasmesse da Italia 1). Stay tuned.

I Liceali 3

Ultime notizie su Glee

Glee è un musical dramedy creato da Ryan Murphy, Brad Falchuk e Ian Brennan, trasmesso in America da Fox dal 2009 e in Italia da Fox (dalla quinta stagione da Sky Uno) pay e da Italia 1 free.

Tutto su Glee →