Enzo Iacchetti ‘soffre’ a Striscia: “Della carriera di Ezio Greggio sono geloso eccome”

Quando si legge un’intervista a Ezio Greggio e Enzo Iacchetti, l’80% delle loro dichiarazioni ha uno sfondo scherzoso e/o demenziale. Ma poi la percentuale che resta ha spesso un tranciante fondo di verità. I due hanno surrealmente festeggiato le quasi nozze d’argento di Striscia la notizia, giunta a 23 anni di servizio, sulla copertina di

Quando si legge un’intervista a Ezio Greggio e Enzo Iacchetti, l’80% delle loro dichiarazioni ha uno sfondo scherzoso e/o demenziale. Ma poi la percentuale che resta ha spesso un tranciante fondo di verità. I due hanno surrealmente festeggiato le quasi nozze d’argento di Striscia la notizia, giunta a 23 anni di servizio, sulla copertina di Sorrisi e Canzoni Tv. Un’occasione, per i due, per fare bilanci e confrontare le rispettive carriere.

Quel che ha colpito il sottoscritto è il consapevole senso di inferiorità che Iacchetti mostra di avere nei confronti del suo pur inseparabile partner professionale. Una sorta di odi et amo, il loro, che porta un attore di teatro come Enzino a subire il ruolo di spalla del più intraprendente e dinamico Ezio. In fondo, Greggio fa il monologo di apertura degno delle star di prim’ordine e Iacchetti lo segue a ruota ogni sera, facendosi poi sostituire in corsa da una “Hunziker qualsiasi”.

In più, carenze del carrozzone geriatrico a parte, Iacchetti ha dimostrato di avere una personalità appannata in solitaria nella conduzione estiva di Velone, che ha fatto decisamente rimpiangere il patriarca Teo Mammucari (oltre allo stesso Greggio in Veline).

Detto questo, Iacchetti resta a sua volta un personaggio di valore con un solido curriculum alle spalle, che ha avuto opportunità tutte sue anche in tv (le sitcom Titolo, Il Mammo e Medici miei, quest’ultima un flop in prime time su Italia1, il varietà La Stangata con Lorella Cuccarini). Peccato che il grande successo nella fiction e in prima serata sia arrivato sempre in coppia con Greggio (vedi il boom di Benedetti dal Signore, che entrambi ancora rimpiangono). Iacchetti, insomma, sembra ormai aver accettato il ruolo di sudditanza rispetto a Greggio senza opporre resistenza. Ecco le sue dichiarazioni che più mi hanno colpito per la loro verità:


“Io sono geloso eccome di lui. Ezio ha in tv una storia più lunga della mia e quando parla tutti lo stanno a sentire. Lui stesso mi ha convinto ad andare ospite da Maria De Filippi vestito da Velina. Io, invece, passo sempre per il rompiscatole. E poi sono geloso del fatto che lui sappia gestirsi alla perfezione, mentre io sono un pigro. Ezio si sveglia la mattina presto e va a correre, fa la doccia, mette la cravatta e chiude tre contratti. Io, a quel punto, sono ancora in accappatoio e sto facendo colazione. E poi sono stato geloso anche del fatto che l’abbia chiamato Pupi Avati per fare un film. Intendiamoci, sono strafelice per lui. Ma un po’ mi rode”.

Greggio, dalla sua, non si sente affatto insidiato dal collega:

“Perché dovrei essere geloso? Ci completiamo bene, funzioniamo perché siamo come siamo. E va bene: lui sa suonare e cantare, io no”

Morale della favola? Anche dietro le coppie televisive più affiatate ci sono sempre dei lati oscuri (e qualche sofferenza per chi fa la ruota di scorta).

Ultime notizie su Striscia La Notizia

Striscia la notizia è lo storico tg satirico di Canale5, che presidia l'access dell'ammiraglia Mediaset dall'11 dicembre 1989 (dopo aver debuttato su Italia il 7 novembre del 1988).

Tutto su Striscia La Notizia →