Tomas de las Heras a TvBlog: “Champs 12 è stata un’esperienza che mi ha fatto crescere. Ora vorrei lavorare in Italia”

Oggi pomeriggio, lunedì 7 giugno alle ore 15:00, prenderà il via su Italia 1 la serie “Champs 12” che come vi abbiamo già anticipato racconta il rapporto contrastato tra una ballerina ricca e viziata, Charlotte e un calciatore di talento, Gonzalo. I due protagonisti della serie, Liz Solari e Tomas de las Heras, sono intervenuti

di share


Oggi pomeriggio, lunedì 7 giugno alle ore 15:00, prenderà il via su Italia 1 la serie “Champs 12” che come vi abbiamo già anticipato racconta il rapporto contrastato tra una ballerina ricca e viziata, Charlotte e un calciatore di talento, Gonzalo. I due protagonisti della serie, Liz Solari e Tomas de las Heras, sono intervenuti circa un mese fa al Telefilm Festival 2010 e in quella occasione abbiamo realizzato con loro due interviste esclusive: la prima, quella a Liz Solari la potete trovare qui, mentre questa è rivolta a Tomas de las Heras, il giovane attore che interpreta la parte del calciatore che piano piano si innamorerà della bella ballerina…

Come ti sei trovato a lavorare in questa serie, essendo tu un giocatore, anche se non professionista e appassionato di calcio?

“Mi sono trovato bene, è un progetto nel quale mi sono divertito moltissimo. Si lavorava tanto e si è imparato molto”.

E’ stata la tua prima esperienza da attore?

“No, avevo già fatto altre cose ma non nel ruolo principale. Questa è stata la mia prima lunga serie da protagonista”.

Come sei stato scelto per entrare in Champs 12?

“Avevo già lavorato in un’altra serie realizzata dalla stessa produttrice di Champs, ‘La Lola‘, dove il protagonista è un uomo che vive nel corpo di una donna. Io facevo parte del cast, mi hanno notato e proposto di partecipare a questa nuova serie. Sono contentissimo di questa esperienza”.

Ti sei divertito ad interpretare Gonzalo?

“Molto. Gonzalo è un personaggio dalle mille sfaccettature. Il calcio è la mia passione, anche se ovviamente qui le partite non erano reali, spesso per un gol si girava anche per 2 ore”.

Champs 12
Champs 12
Champs 12
Champs 12

Champs 12 - Tomas de las HerasSei rimasto in contatto con gli altri attori della serie?

“Con tutti, abbiamo stretto delle belle amicizie con i giovani attori e ci vediamo spesso anche fuori dal set ora che la serie è terminata”.

“Champs 12” parla di un rapporto tra un calciatore e una ballerina. Qui in Italia si discute parecchio sui rapporti tra calciatori e donne dello spettacolo. Qual è la tua opinione a proposito?

“Non essendo io un giocatore di calcio professionista, non frequento ambienti di questo genere, vivo per quanto riguarda la mia esperienza personale tutto dall’esterno. Nella serie a dire il vero la relazione tra ballerina e calciatore passa da altre strade: Charlotte non è la classica pupa che esce con il calciatore per farsi notare. Si compra la sua squadra di calcio piuttosto per vendicarsi di lui e non si tratta di un team di serie A ma proprio di una di quartiere. Il nostro quindi è un altro genere di rapporto rispetto a quello che accade in Italia e anche da noi in Argentina”.

Cambiamo argomento, da appassionato di calcio hai assistito a Madrid alla finale di Champions League? Hai rivelato in conferenza stampa che la tua squadra preferita italiana è l’Inter…

“Purtroppo il 22 di maggio ero a Praga e non ho potuto. Faccio i complimenti all’Inter per i grandi risultati che ha ottenuto quest’anno e per la Champions in particolare. Seguo spesso il calcio italiano, mi piace molto”.

Qual è il tuo calciatore preferito?

“Javier Zanetti”.

In Argentina è terminata la programmazione di questa serie. Hai altri progetti in ballo?

“Sto facendo teatro in questo momento, non ho progetti chiusi per la televisione per adesso”.

Ti piacerebbe lavorare anche qui in Europa?

“Sì, anche in Italia, visto che capisco abbastanza bene l’italiano. Dovrei imparare a parlarlo ma non mi dispiacerebbe lavorare nel vostro Paese”.

Grazie per la disponibilità e in bocca al lupo per il futuro.
Michele Biondi

Champs 12 - Tomas de las Heras e Liz Solari