Il ritorno di Mr. Fantasy su RaiSat Extra con sei nuove puntate. Intervista esclusiva

Ecco che ritorna in Tv Mister Fantasy, alias Carlo Massarini, capostipite dei vj e icona del futuro in tv. Da domani, su RaiSat Extra sei puntate del nuovo programma Mister Fantasy reload&rewind, ogni mercoledì dalle 23,15 con replica il giorno successivo alle 17.45 e la domenica alle 19.4. Accanto a Massarini, il mitico Mario Luzzatto

di marina


Ecco che ritorna in Tv Mister Fantasy, alias Carlo Massarini, capostipite dei vj e icona del futuro in tv. Da domani, su RaiSat Extra sei puntate del nuovo programma Mister Fantasy reload&rewind, ogni mercoledì dalle 23,15 con replica il giorno successivo alle 17.45 e la domenica alle 19.4. Accanto a Massarini, il mitico Mario Luzzatto Fegiz che riprenderà lo stile insolito delle sue interviste ai personaggi della musica. Ovviamente spazio alla grafica che ha sempre contraddistinto i programmi di Mr. Fantasy, anche questa volta affidata allo Studio Convertino. Gli autori del programma restano invariati, anzi a Massarini e a Paolo Giaccio si è aggiunto Stefano Pistolini. Location delle riprese le bianche sale del Maxxi, il Museo di arte moderna a Roma, progettato da Zaha Hadid che sarà inaugurato il prossimo maggio e la terrazza dell’Auditorium di Ravello progettato da Oscar Niemeyer.

Per chi, invece, è desideroso di scoprire la cultura musicale, da oggi alle 18,45 e dunque dal martedì al sabato,viene ritrasmessa la collezione delle 120 puntate di Mr.Fantasy che dal 1981 al 1984 tracciarono la storia musicale nella tv italiana.

E veniamo all’intervista a Carlo Massarini avvenuta al telefono qualche ora fa, in cui gli ho fatto delle domande a proposito del suo rientro televisivo e chiesto qualche anticipazione sulla puntata di domani.

D.: Ciao Carlo, avete già registrato tutte le puntate?

R.: Solo la prima, quella che va in onda domani.

D.: Puoi dare qualche anticipazione ai lettori di TvBlog?

R.: Sono puntate speciali che mescolano vecchio e nuovo. Ci saranno interviste alla Bertè, ai Nomadi e a Vecchioni. Ci sarà divertimento anche se sotto traccia si potrà creare una sensazione di memoria e confronto.

D.: Tu che sensazione hai provato a rientrare nei panni di Mr.Fantasy?

R.: Non mi sono ancora rivisto. La puntata la vedrò domani. Intanto lavoriamo al Maxxi e non in uno studio televisivo e lì non si ha proprio la sensazione di fare tv, mi sono divertito.

D.: Che obiettivo vi siete dati?

R.: L’eleganza e l’intrattenimento. Nessuno di noi vuole rifare quel Mr.Fantasy. Quella strada si è chiusa e nessuno l’ha più proseguita, tranne, forse in pochi casi marginali. Come nessuno riuscì a proseguire il discorso aperto con Non necessariamente che andò in onda, subito dopo Mr.Fantasy per 11 puntate in cui anticipavo internet. Io ero su un isolotto deserto, con una rete metallica, un computer e una pietra della memoria. Viaggiavo grazie alla rete che mi portava in giro. Un programma psichedelico ma poi la televisione ha preso altre strade.

D.: Cosa ti aspetti dal ritorno di Mr.Fantasy?

R.: Mi aspetto di avere un minimo di ritorno. E’ giusto esserci e mandare un segnale sulla nostra presenza. Oggi c’è una televisione molto complessa e meno artigianale.

D.: Detto fra me e te, faresti il giudice a XFactor?

R.: Non mi sono mai posto il problema. Penso che sia un posto adatto a un discografico. Mara Majonchi è perfetta, Morgan è un musicista e capisce la musica; la Mori e la Ventura hanno avuto un ruolo diverso.

D.: E la tua la cultura musicale?

R.: Non ci sarebbe posto.

[Foto | Courtesy Carlo Massarini]