Sissi – 28 febbraio e 1 marzo su RaiUno

Ogni replica dei film che riguardano Elisabetta di Baviera, meglio nota al pubblico come Imperatrice Sissi, fa registrare buoni ascolti. E’ lecito dunque aspettarsi che questa produzione inedita che, in due puntate su RaiUno (questa sera, domenica 28 febbraio, e domani, lunedì 1 marzo), piacerà al pubblico.Si tratta di una coproduzione internazionale (realizzata da Publispei

di


Ogni replica dei film che riguardano Elisabetta di Baviera, meglio nota al pubblico come Imperatrice Sissi, fa registrare buoni ascolti. E’ lecito dunque aspettarsi che questa produzione inedita che, in due puntate su RaiUno (questa sera, domenica 28 febbraio, e domani, lunedì 1 marzo), piacerà al pubblico.

Si tratta di una coproduzione internazionale (realizzata da Publispei per l’Italia, in collaborazione con Rai Fiction, Sunset Austria per l’ORF e EOS Entertainment per ZDF), un vero e proprio kolossal per la tv, costato undici milioni di dollari. La regia è affidata a Xaver Schwarzenberger. Cristiana Capotondi b>interpreta la principessa Sissi, David Rott è l’Imperatore Francesco Giuseppe e Martina Gedeck l’Arciduchessa Sofia. E ancora, Licia Maglietta è la mamma di Sissi, la Duchessa Ludovica; Christiane Filangeri è Nené, la sorella maggiore della giovane Imperatrice e Katy Saunders è la sua dama di compagnia Ida Ferency; Federica De Cola veste i panni di Carlotta Del Belgio e Andrea Osvart è Eugenia, la moglie di Napoleone III.
rtecipato alle riprese ambientate in luoghi storici come la Hofburg di Vienna, il castello e i giardini della reggia di Schönbrunn, il castello di Eckartsau, nella Bassa

Ambientazioni in luoghi storici fra l’Austria e Trieste, 2000 comparse, costumi a iosa (oltre 700, di cui 50 solamente per la Capotondi), carrozze, navi storiche e una storia che conoscono, obiettivamente (quasi) tutti per raccontare e celebrare, una volta di più, Sissi, donna amata e osannata dall’Europa intera, donna protagonista della sua, personalissima, storia d’amore ma anche della Storia, con la “S” maiuscola.

Riuscirà, la Capotondi, a raggiungere nell’immaginario collettivo la bellezza e l’universalità di Romy Schneider, storica protagonista dell’epopea di Sissi al cinema?