• La7

Propaganda Live: le immagini parlano

La prima puntata di Propaganda Live e la recensione.

Propaganda Live è il miglior programma televisivo italiano in onda, al momento.

Così, senza fronzoli, senza perifrasi inutili nonostante il nostro compito resti principalmente quello di argomentare, sia in caso di opinione negativa o positiva.

In questo caso, si potrebbe anche non farlo (ma lo faremo…).

Il programma di La7, condotto da Diego Bianchi, come scritto in una delle recensioni pubblicate negli anni passati, conferma, più che mai, il proprio status di programma televisivo necessario, ancora più indispensabile quest’anno, durante il quale stiamo assistendo ad un innalzamento esponenziale circa la tossicità nell’informazione, contaminata da fake news, demagogia e retorica a fini propagandistici, e con una pandemia di mezzo, tra l’altro.

Tutto si è ridotto ad una volgare questione di sete di consenso. Propaganda Live è qui per rimediare, facendo la propria parte, allo scempio al quale stiamo assistendo.

In Propaganda Live, le immagini parlano, è inutile fare finta di niente.

Le risposte risiedono lì, le immagini sono quelle: se non le vedi, è perché non vuoi vedere.

Propaganda Live contrappone la sostanza alla retorica spicciola, e di conseguenza vuota, mette di fronte le risposte tangibili alle supposizioni prive di fondamento, contrappone le summenzionate immagini ai luoghi comuni, triti e ritriti, che annullano ogni confronto civico nei quali vengono utilizzati, citati ormai quasi macchinalmente (le immagini mandate in onda a riguardo fanno quasi impressione…), conseguenza quasi irreparabile (“quasi”, perché abbiamo il vizio dell’ottimismo…) del brainwashing costante.

“Ecco come funziona la propaganda!”, afferma Zoro in uno dei punti cruciali della prima puntata della quarta edizione di Propaganda Live, nel corso del primo racconto per immagini di questa sera, un capolavoro televisivo, senza se e senza ma.

Propaganda Live fornisce gli strumenti ma è ovvio che un programma come questo non può essere indirizzato solo a chi ha già compreso alla perfezione le logiche del giochino perverso della propaganda.

Propaganda Live ha un compito che, con il trascorrere di questi anni, sta rasentando l’inattuabilità: scardinare l’ignoranza, abbattere il muro dell’illetteratismo, dare un freno a chi alimenta l’analfabetismo funzionale.

E’ una missione impossibile ma vale la pena provarci.

E Propaganda Live tenta di farlo con quella che possiamo definire una straordinaria semplicità. Perché Diego Bianchi non è un mago della comunicazione (o forse sì), non ha a disposizione mezzi sconosciuti a noi comuni mortali, no. Diego Bianchi è semplicemente onesto, tutto qui.

Nel mostrare una manifestazione leghista di modeste proporzioni a Lampedusa (e il modo in cui assume proporzioni totalmente opposte sui social), nel documentare la vivibilità tranquilla di Lampedusa, nel farci conoscere persone intrise di cliché politici dalla testa ai piedi, nel dimostrare tranquillamente che i migranti non portano il COVID (come? Con le immagini dei tamponi ai quali vengono sottoposti. Semplice, no?), nel far vedere persone che urlano “Bibbiano!” ad cazzum, nel sottolineare la noncuranza dei turisti circa le regole anti-COVID, nell’esporre le tattiche politiche arcinote di Matteo Salvini, Diego Bianchi non è fazioso, non utilizza accorgimenti, espedienti facili, stratagemmi in malafede.

Diego Bianchi, come scritto in precedenza, ci mostra la realtà senza filtri. Punto.

Per non parlare, poi, dei brillanti interventi di ospiti scelti con cura che, nel trattare un argomento delicatissimo come l’omicidio di Willy, non fanno a gara nell’individuare le responsabilità ma diffondono messaggi fondamentali come quello di non agire in balia della rabbia emotiva o come quello di ripartire dalla scuola e dalla cultura.

Messo in chiaro ciò, ognuno, poi, è libero di formulare la propria opinione ma chi chiude gli occhi dinanzi a queste immagini e a queste parole, per la paura di scoprirsi dalla parte del torto, è il primo ad essere in malafede.

Peccato, solamente per la durata sesquipedale della puntata che rischia seriamente di vanificare l’immenso lavoro condotto da Propaganda Live.

Propaganda Live è il programma televisivo condotto da Diego Bianchi, in arte Zoro, che va in onda ogni venerdì sera, su La7, a partire dalle ore 21:15.

Propaganda Live: le anticipazioni della prima puntata

A partire da questa sera, venerdì 11 settembre 2020, avrà inizio la quarta edizione di Propaganda Live, il programma di La7 condotto da Diego Bianchi.

In questa prima puntata della nuova edizione, ovviamente, Zoro, Makkox e tutta la squadra di Propaganda Live racconteranno il paese allo stato attuale, segnato dalla pandemia di COVID-19 tuttora in corso, con gli sviluppi riguardanti la prossima riapertura delle scuole, la politica e i fatti di cronaca, tra intrattenimento, satira, inchieste, reportage, musica e spettacolo.

Tra gli ospiti, troveremo lo scrittore Don Winslow, con cui Zoro affronterà anche il tema legato alle imminenti elezioni negli Stati Uniti, e, in collegamento, la scrittrice Chiara Valerio che parlerà del suo ultimo libro, La matematica è politica.

In studio, sarà presente anche il fumettista Zerocalcare.

Nel primo reportage della stagione, Diego Bianchi racconterà i mesi estivi della Fase 2, tra inizi di campagna elettorale e la situazione dell’immigrazione a Lampedusa dopo l’ordinanza del governatore Musumeci.

Propaganda Live: dove vederlo

La prima puntata di Propaganda Live andrà in onda su La7 a partire dalle ore 21:15.

Il programma sarà visibile in streaming anche sul sito ufficiale di La7.

Tutte le puntate saranno successivamente disponibili sempre sul sito ufficiale di La7.

Propaganda Live: Second Screen

Propaganda Live è presente sul web con una sezione a parte sul sito ufficiale di La7.

Il programma condotto da Zoro ha anche una pagina ufficiale su Facebook.

Il profilo Twitter del programma è il seguente: @welikeduel. L’hashtag con il quale sarà possibile commentare la puntata di stasera, invece, è #propagandalive.

Propaganda Live ha anche un profilo ufficiale su Instagram.

Per quanto riguarda il liveblogging, infine, l’appuntamento è a partire dalle ore 21:15 su TvBlog, magazine di Blogo.