• Rai 1

Primo Set, il racconto del post lockdown letto in chiave matura evitando la drammatizzazione

Il primo appuntamento con il nuovo programma della seconda serata di Rai 2. Conduce Gianvito Casadonte con le due inviate Elena Ballerini e Giulia Nannini.

L’assist dell’attualità ha strizzato un occhio benevolo per la scelta dell’argomento d’apertura del nuovo programma di Rai 2. Al primo appuntamento di Primo set, l’attenzione è tutta per il cinema che sarà. Perché quello che ne traiamo dalla linea presa dal programma non è quello di guardare ad un brutto passato che ha segnato anche il mondo del cinema, piuttosto la curiosità è stata tutta nel chiedersi come si comporterà e adeguerà l’industria cinematografica ora che le macchine da presa sono di nuovo accese. Una scelta da promuovere. Per una volta si è evitata la deriva della drammatizzazione di un fatto che, di per sé, è già abbastanza triste.

Tante interviste, quante! Una sequenza di interventi senza pause, come in apnea. Attori, registi, produttori, direttori. D’accordo che i protagonisti erano loro (d’altronde quale miglior testimonianza se non la vivavoce dei diretti interessati per capire il loro stato d’animo oggi), ma un attimo di respiro ragazzi! Un ritmo troppo veloce al montaggio dopo mezzanotte sfasa lo spettatore, un po’ più di calma e si può aggiustare il tiro. In 50 minuti ci può stare la qualunque anche senza necessariamente correre. Suvvia.

Andiamo sul contenuto. Come detto la linea presa è stata tracciata per questa puntata sui lavori nel grande schermo  post Coronavirus. Ebbene, sarà quel tocco di intelletto che i protagonisti del grande schermo regalano quando si tratta di temi sociali, sarà quell’approccio paradossalmente zen nei confronti di un incubo come quello è che è stato ed è ancora il Covid-19, ma Primo set in questo suo primo appuntamento ha fatto sì che non si vedesse solo quel lato professionale, impeccabile dell’attore in quanto tale, ma è persino entrata nei meandri delle sue paure, lasciando trasparire l’anima pura e matura dell’artista.

Si percepisce che Gianvito Casadonte è ben navigato nell’ambiente del cinema, con i suoi interventi provati e riprovati, impostati e re-impostati ha aperto e chiuso i ‘paragrafi’ della trasmissione. La sua voce sarebbe perfetta come speaker radiofonico. Un appunto: magari un po’ più di scioltezza e meno atteggiamento teatrale alla camera.

Mentre Elena Ballerini e Giulia Nannini, sulla base del “Com’è stato tornare a lavorare davanti alla cinepresa?“, hanno svolto le loro interviste flash. Ogni intervista durava talmente poco (a parte qualche sprazzo più lungo con Scamarcio) che quasi quasi chi vi scrive combina una gaffe a chiamarle così.

Affascinante la scelta di affidare le colonne sonore in larga parte alle gemme musicali del maestro Ennio Morricone. Applausi.

Primo Set, diretta puntata del 10 settembre 2020

  • 23:55

    Primo Set comincia col piede giusto, giustissimo. Sottofondo di C’era una volta il west in ricordo di Ennio Morricone ed un’anteprima dove si intrecciano le dichiarazioni di molti attori che interverranno stasera.

  • 23:57

    Gianvito Casadonte dal museo italiano dell’audiovisivo a Cinecittà introduce il programma.

  • 00:00

    Il Festival di Venezia è diventato un evento di rilancio del grande schermo, ancora più importante. Elena Ballerini è sul posto.

  • 0:01

    Alessio Boni, regista: “Non si riempono le grandi sale cinematografiche? Non fa nulla, ripartiamo. Sto lavorando alla nuova serie de La compagnia del cigno”

  • 0:05

    Laura Delli Colli – Presidente fondazione cinema per Roma: “Hanno avuto molto coraggio ad organzzare il Festival del cinema di Venezia. Hanno fatto da apripista a ciò che verrà.”

  • 0:10

    Intervista a Riccardo Scamarcio: “L’ultima volta in un set a dicembre. Sarà tutto diverso, sono sicuro che la sala cinematografica continuerà ad accogliere gente anche se si ridurrà qualcosa”.

  • 0:15

    Intervista a Rocco Papaleo: “Non riesco ad immaginare come potranno andare le cose” al termine dell’intervento, un altro inserimento musicale con la colonna sonora di Nuovo cinema paradiso.

  • 0:17

    Marco d’amore – attore e regista: “C’è un grandissimo sacrificio dagli addetti ai lavori dietro la cinepresa con la mascherina. Anche nel rispetto del loro sacrificio, noi diamo il 110%

  • 0:19

    Vinicio Marchioni – attore: “Mi piace ricordare che ogni attore conosciuto che è più fortunato ed ha la possibilità di stare fermo 3/4 mesi, ce ne sono 1000 che non hanno la stessa fortuna”

  • 0:21

    Dino Abbrescia – attore: “Ho avuto paura di non lavorare più. Ho detto ‘è finita’. L’ho vista drammatica. Sono molto contento di ripartire”

  • 0:23

    Simona Izzo e Tognazzi: “Scrivendo scene per i nostri lavori abbiamo dovuto rivedere molte scene, levare molti baci”

  • 0:25

    Alessandro Haber: “Ho girato un cortometraggio nel periodo delle nuove misure. Ho fatto continui controlli”

  • 0:27

    Marina Tagliaferri – attrice di Un posto al sole: “E’ decisamente più difficile recitare con queste regole” Luca Barbareschi: “Non è cambiato nulla, salvo le persone che non ti parlano più ad un centimetro di distanza.”

  • 0:30

    Gianvito Casadonte ogni tanto interviene dal MIAC per introdurre altre brevi interviste.

  • 0:35

    Direttore Festival Marateale – Nicola Timpone: “E’ stato difficilissimo organizzare il Festival quest’anno, ma c’è stato bisogno che la Basilicata desse un messaggio forte per la cultura in Italia. Quest’anno non abbiamo potuto ospitare più di 200 persone”

  • 0:40

    Massimiliano Bruno, dal Festival Marateale: “Avevo un film che doveva uscire a metà marzo, Ritorno al crimine. Torneremo sugli schermi di tutta Italia il 26 novembre”.

  • 0:42

    Attrezzisti, operatori, truccatori. Il fascino del dietro le quinte. Enrico Serafini, scenografo: “Questa non è una professione, questa è la vera passione di chi vuole fare spettacolo. Mi auguro che il cinema italiano recuperi i lustri che si sono persi negli ultimi anni e che a livello internazionale si possa parlare del nostro lavoro”

  • 0:43

    Roberto Alchimede, produttore esecutivo della fiction L’allieva: “Riniziare è stato stimolante, la ripartenza è stata dura. Abbiamo dovuto riorganizzare tutto fra tamponi, test sierologici e sanificazione. Speravo comunque di ripartire in fretta”.

  • 0:45

    Lino Guanciale e Alessandra Mastronardi nella prossima puntata daranno anticipazioni sulla nuova stagione de L’allieva.

  • 0:46

    Termina qui la prima puntata di Primo set.

Primo Set, prima puntata del 10 settembre 2020

Primo Set è il nuovo programma di Rai 2 in onda da giovedì 10 settembre a mezzanotte. La trasmissione racconterà la ripresa dell’industria dell’audiovisivo dopo la grave emergenza dovuta al Coronavirus. Il cinema riaccende i riflettori con nuove regole da seguire per girare i nuovi lavori cinematografici in totale sicurezza.

Gianvito Casadonte ci condurrà sui set che hanno ripreso a produrre. Insieme a lui, due inviate che sono Elena Ballerini e Giulia Nannini. 

Dagli attori ai produttori, dagli organizzatori ai truccatori e tutte le altre maestranze del cinema racconteranno come e quanto e com’è cambiato il loro lavoro adeguandosi

Tra gli interventi che vedremo: Rocco Papaleo che racconterà l’emozione che ha provato nel riprendere a girare dopo tre mesi di fermo, Luca Barbareschi in veste di produttore, Laura Chiatti, Alessandra Mastronardi, Lino Guanciale, Marco Bocci. Dal Festival del Cinema di Venezia: Carolina Crescentini, Ficarra, Alessandro Siani, Violante Placido, Alessio Boni, i fratelli D’Innocenzo, Ricky Memphis, Tiziana Rocca, Angela Finocchiaro, e Pedro Alonso uno dei protagonisti de “La casa di carta”.

In più un’intervista a Riccardo Scamarcio che rivelerà retroscena inediti e divertenti della sua carriera.

TvBlog seguirà la prima puntata di Primo set in diretta dalle 23:55.

 

I Video di TvBlog