Ancora tensione a Io e te, Diaco: "Fate silenzio in studio, noi stiamo lavorando"

A Io e te Pierluigi Diaco si arrabba per i rumori in studio: "Fate silenzio, stiamo lavorando. Non c’è niente di più difficile che ottenere il silenzio in uno studio televisivo. Ma è una considerazione che farò in privato, come si deve quando si lavora"

Nuovo episodio di tensione a Io e te, ad una settimana dalla fine del programma. Ad un passo dai titoli di coda, Pierluigi Diaco ha infatti ripreso platealmente gli assistenti, colpevoli di disturbare l’intervento di Santino Fiorillo. “Perdonate, fate silenzio in studio”, ha tuonato il conduttore. “Scusate, noi stiamo lavorando, vi invito al silenzio”.

L’attacco si è aggiunto a gesti espliciti di Diaco, che fino a pochi istanti prima aveva invece riso e scherzato con gli autori presenti dietro le telecamere. “Mi spiace richiamare la vostra attenzione al silenzio, ma devo dire che non c’è niente di più difficile che ottenere il silenzio in uno studio televisivo. Ma è una considerazione che farò in privato, come si deve quando si lavora”. Strigliata in privato dopo una arrabbiatura in pubblico, a voler essere precisi. La polemica è quindi proseguita al momento dei saluti: “Il silenzio è la forma di libertà più grande in questo periodo di rumore e di stupidaggini che circolano”.

Si tratta dell’ennesima sfuriata in diretta per Diaco che, poche settimane fa, si era lamentato per la chitarra scordata e la musica troppo alta. “Nonostante chi mi rema contro, andrò avanti fino al 4 settembre”, avvisò. Andò addirittura peggio a giugno, con il rumore inconfondibile di un trapano che coprì la conversazione con Bianca Berlinguer. Se la giornalista la prese a ridere, non fece altrettanto Diaco: “Se qualcuno generosamente va al quarto piano, se vi va, e dice che stiamo lavorando… Che bello questo studio, sono sempre pronti”.

  • shares
  • Mail