Un nuovo volto per Yulce: la vera storia di Yulce questa sera su Real Time

La piccola, dopo esser stata bruciata con l’acido, aveva completamente perso le sue sembianze umane. Dopo diversi anni e innumerevoli operazioni è riuscita nel 2010 ad ottenere un volto quasi normale.

Un documentario per certi versi angosciante quello che vedremo sul canale 31 del digitale terrestre, con protagonista la piccola Yulce, ad oggi una donna ma ancora molto giovane all’epoca della registrazione del programma. Yulce, originaria di un piccolo villaggio chiamato Paca, a sud di Tobelo, nel nord di Maluku, Indonesia, è stata sfregiata con l’acido a soli 4 anni, e da quel momento il suo volto e parte del suo corpo è rimasto deturpato a tal punto da sembrare pronto a sciogliersi da un momento all’altro.

La piccola, che viveva in una capanna di bamboo in mezzo agli animali, verrà raggiunta per la prima volta dai dottori della clinica IFC nel febbraio del 2004. Ci vorranno due, tre giorni prima di riuscire ad avvicinare la piccola portandola fuori dal villaggio per sottoporla ai primi trattamenti, e sarà proprio così che incomincerà un lungo calvario per la piccolina, che tuttavia la trasformerà completamente, in volto.

Nel mese di agosto Yulce arriverà in terra americana, e più precisamente a Los Angeles, per la prima volta, in compagnia della sua mamma. Come vedremo raccontare all’interno del documentario, intitolato proprio Un nuovo volto per Yulce, nei due successivi mesi Yulce verrà operata due volte, e sottoposta ad un trapianto di pelle, iniziando ad ottenere sembianze sempre più normali nel dicembre del 2004, dopo ben cinque operazioni consecutive. Il 20 ottobre 2005 Yulce tornerà a casa, e soltanto di lì a poche settimane, nel febbraio del 2006, uscirà il documentario edito da TLC che vedremo questa sera su Real Time.

Ed è la stessa clinica IFC, quella che sin dall’inizio ha seguito Yulce nel suo faticoso percorso clinico, ad annunciare il debutto del documentario in tv:

“Cari amici, […] la storia di Yulce verrà raccontata in tv. Verrà trasmessa da TLC, filmata e prodotta da LMNO Productions, direttamente da Los Angeles, e intitolata Un nuovo volto per Yulce. Vi ringrazio per le vostre preghiere e per il supporto. Ora abbiamo un altro bimbo qui, con il volto completamente da rifare. Si chiama Fino. Ha otto anni, e confido che ora preghiate anche per lui”.

Il documentario, uscito come già detto nel 2006 e questa sera in prima visione su Real Time, divenne un vero e proprio cult per gli spettatori americani, sempre più affascinati da Yulce e da una storia, la sua, capace di dimostrare come talvolta i miracoli diventino realtà. Il documentario, inoltre, ricevette anche diversi premi cinematografici di riconoscimento, tra i quali un Freddie, l’equivalente di un Emmy ma che premia esclusivamente produzioni cinematografiche o documentaristiche in ambito medico. Nel frattempo Yulce è cresciuta, e anche se ad oggi continuiamo ad assistere al medesimo documentario su di lei, possiamo dirvi che le cure e le operazioni per Yulce non siano terminate nel 2006.

La bambina, ormai donna, rimase in totale negli Stati Uniti e in particolar modo a Los Angeles per ben 4 anni prima di far ritorno a casa. Tornò tuttavia in clinica a Los Angeles qualche anno dopo, era il 2010, per continuare i trattamenti e migliorare ulteriormente il suo aspetto esteriore. Sul finire del 2010 tuttavia Yulce tornò definitivamente a casa.