Non mollare mai, le storie tricolori di sport emozionano: Alex Zanardi si conferma campione (anche) di tv

2 giugno all’insegna di storie esemplari, di testimonianze e di solidarietà.

Le storie di sport di Non Mollare Mai sono il miglior contenuto da ‘remote’ charity show finora visto da noi e altrove.

Il ricorso ai grandi momenti della nostra storia sportiva è la principale fonte di emozioni in un racconto che ha tre punti di forza e un paio di debolezze. Il primo punto di forza è l’aver affidato ogni blocco a un diverso volto tv, il che dà – nonostante la qualità audio-video non eccellente – almeno una base di ritmo televisivo, considerato che di certo il montaggio non può fare miracoli nei singoli contributi. Altro aspetto a favore l’aver fatto ricorso a momenti che hanno unito gli italiani, anche quando si entra nel mondo spinoso del calcio e del suo tifo: uno dei passaggi migliori è stato proprio il meno impostato di tutti i conduttori, Gigi D’Alessio, che scherza con Del Piero, Zanetti e Baresi. Last but non least, Alex Zanardi: è lui il vero trascinatore di questo racconto grazie alla sua straordinaria capacità di tirar dentro il pubblico nelle storie, nelle vite dei protagonisti, nelle emozioni vissute. La sua voce, la sua cadenza, il suo sorriso, la sua mimica, la sua gestualità, già tanto amate in Sfide, sono il perfetto collante ai tanti diversi contenuti, tutti peraltro costruiti all’insegna del sorriso e della riflessione. Ogni momento è stato strutturato in maniera tale, infatti, da stuzzicare la memoria del pubblico, far conoscere loro qualche aneddoto e qualche ‘dietro le quinte’ delle grandi imprese di idoli di tanti diversi sport – dal tennis al motociclismo, dallo sci al nuoto, dal basket alla ginnastica, dalla scherma al calcio che ha sì più momenti ma non è cannibalizzante – inserendo poi in ciascuno di essi un aggancio alla Croce Rossa Italiana. Testimonianze, racconti, appelli brevi e intensissimi, che riescono ad andare oltre la retorica e ricordare quello che è successo fino a pochissime settimane fa e che a molti adesso sempre lontanissimo. Eppure la solitudine di chi è andato via impaurito e senza il conforto degli affetti più cari è una voragine che sembra impossibile possa essere riempita da aperitivi e manifestazioni deliranti.

Tutto riesce a tenersi dunque, anche grazie a una confezione decisamente più curata che in altri esperimenti. La principale debolezza è un male atavico del prime time: la lunghezza. Già rispetto a Musica che Unisce si è partiti un’ora più tardi, lasciando quindi 2 ore e mezza di programma. Una lunghezza ormai standard per la prima serata, ma che in un collage così magari si sentono di più. Comunque per il genere di programma, Non mollare mai ha fatto un passo avanti. La marcia in più ce l’ha messa sicuramente Alex Zanardi. 

Non mollare mai – Storie tricolori: la diretta

Non mollare mai – Storie tricolori di sport per il charity show di Rai 1: ospiti e anticipazioni

La Festa della Repubblica celebrata con grandi nomi dello sport, dell’intrattenimento e della solidarietà nella prima serata di Rai 1 questa sera, martedì 2 giugno 2020,  a partire dalle 21.25 e fino a mezzanotte.

Una staffetta a distanza di contributi registrati – e registrata anch’essa – con Alex Zanardi a tenere le fila di un racconto fatto di tanti diversi momenti, di un collage di racconti, aneddoti e testimonianze proposto con il titolo “Non Mollare Mai – Storie Tricolori“. Una scelta che prende in prestito il titolo di una celebre canzone di Gigi D’Alessio per portare al pubblico di Rai 1 grandi campioni dello sport, volti Rai e i grandi nomi del cinema italiano uniti per sostenere la Croce Rossa Italiana attraverso il numero solidale 45505 (attivo dal 27 maggio al 3 giugno).

La formula del charity show in pandemia è ormai ‘testata’: il primo esempio sulla tv italiana è stato quello di Musica che Unisce, andato in onda a fine marzo, in piena emergenza e in pieno lockdown, per un’altra raccolta fondi.

Gli ospiti di Non mollare mai

Tra i momenti della serata Fabio Cannavaro e Marcello Lippi parleranno dell’importanza di fare squadra, Marco Tardelli, Franco Causio e Bruno Conti parleranno con Flavio Insinna di cosa significhi compiere grandi imprese in momenti complicati, come fatto nei Mondiali 1982 e 2006; Sandro Mazzola, Gianni Rivera e Gianfelice Facchetti ricorderanno con Simona Ventura ‘la partita del secolo’, ovvero Italia – Germania del 1970. E ancora Javier Zanetti, Alessandro Del Piero e Franco Baresi parleranno con Gigi D’Alessio di cosa voglia dire essere leader di una squadra, Alex Zanardi con Charles Leclerc racconteranno l’adrenalina e la pressione di un esordiente in prima fila e l’impegno nella campagna per Croce Rossa con Lapo Elkann. Motori protagonisti anche con Valentino Rossi, mentre il campione NBA Marco Belinelli e Fedez parleranno di basket, Miriam Sylla e Barbara Bonansea di smontare i pregiudizi  con Serena Rossi, Bebe Vio, Valentina Vezzali, Yuri Chechi saranno gli esempi del superamento dei propri limiti, Federica Pellegrini e Milly Carlucci affronteranno il problema dell’ansia. Altri nomi
Federica Brignone, Deborah Compagnoni, Caterina Balivo, Flavia Pennetta, Fabio Fognini, Francesca Schiavone, Cesare Bocci, Stefano Accorsi, Luca Argentero e Beppe Fiorello.

Non Mollare Mai, come donare alla CRI

L’sms solidale al numero 45505 ha il valore di 2 euro (da numeri WINDTRE, TIM, Vodafone, Iliad, Postemobile, Coop Voce e Tiscali) mentre la chiamata da telefono fisso ha valore di 5 o 10 euro (da numeri TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali) e di 5 euro (da numeri TWT, Convergenze e Postemobile).