Vieni da Me, Caterina Balivo si commuove al rientro in studio (video)

La fase due di Vieni di Me inizia con la commozione di Caterina Balivo.

[mp-video id=”1713301″ title=”Caterina Balivo ritorna in onda con Vieni da me” content=”” provider=”” url=”” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcxMzMwMScgY2xhc3M9J21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnQnPjxpZnJhbWUgY2xhc3M9J21wX3ZpZGVvX3RoZW1lIGlmcmFtZV9fbXBfdmlkZW9fdGhlbWUnIHNyYz0iaHR0cHM6Ly90dmJsb2cuYWRtaW4uYmxvZ28uaXQvdnAvMTcxMzMwMS8iIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgd2Via2l0YWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiBtb3phbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIGZyYW1lc3BhY2luZz0nMCcgc2Nyb2xsaW5nPSdubycgYm9yZGVyPScwJyBmcmFtZWJvcmRlcj0nMCcgdnNwYWNlPScwJyBoc3BhY2U9JzAnPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcxMzMwMXtwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcxMzMwMSAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE3MTMzMDEgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Ora che la “fase due” post lockdown è ufficialmente cominciata anche in tivù, la fascia post-prandiale di Rai1 è tornata in possesso di Caterina Balivo con Vieni da Me. Non c’è il pubblico in studio (ovviamente), ma a debita distanza ci sono Marco Baldini, Lorenzo Farina e l’astrologo Simon and Stars. “E’ una grandissima emozione“, ha detto la padrona di casa prima di ringraziare Alberto Matano e Lorella Cuccarini che hanno tenuto compagnia agli spettatori in questi due mesi con La Vita in Diretta.

Visibilmente commossa (e con le lacrime agli occhi), Caterina Balivo ha parlato a cuore aperto:

“Questa mattina, dopo due mesi, ho attraveersato Roma. Era bellissima, pià bella che mai. HHo riflettuto molto durante questo periodo. Ho imparato a guardare in faccia il dolore, senza voltarmi mai. Ho imparato a fotografare i tramonti con i miei bambini, scoprendo che erano tutti uguali. Ho imparato a non rincorrere il tempo. Noi vogliamo che sia sempre tutto al posto giusto, ma sarà davvero il posto giusto? Ho anche pensato e ho capito che in momenti così difficili noi possiamo regalare un sorriso con una storia. Ecco, questa è una delle parti più nobili del nostro lavoro. Sarò sempre grata al direttore Coletta che me l’ha fatto capire”.

Oltre alla cassettiera (seppur a distanza, perlomeno nella prima puntata), è tornato anche il gioco telefonico “A casa di…“. Il premio verrà devoluto in beneficenza all’ospedale Buzzi di Milano.

Ultime notizie su Caterina Balivo

Tutto su Caterina Balivo →