Luca Argentero a TvBlog: il mio DOC in omaggio ai medici

Stasera in onda l’ultima puntata su Rai1 di DOC nelle tue mani con Luca Argentero

di

Il duro lavoro del medico che in questo periodo è diventato ancor più di stretta attualità, ha visto nella serie di Rai1 DOC nelle tue mani un palcoscenico di grande successo, con indici di ascolto stabilmente sopra gli 8 milioni di telespettatori per una serie che questa sera vedrà andare in onda l’ultima puntata, in attesa di tornare con nuovi episodi il prossimo autunno sempre su Rai1. L’interprete principale di questa nuova fiction è il dottor Andrea Fanti, che ha il volto di Luca Argentero. Abbiamo fatto alcune domande al bravo attore piemontese, proprio alla vigilia dell’ultima puntata di DOC in onda stasera sulla prima rete del servizio pubblico radiotelevisivo.

Stasera va in onda l’ultima puntata di questo primo ciclo di DOC nelle tue mani, il grande successo di questo periodo in Tv. A ragion veduta, sei ancora più contento di aver accettato questo ruolo e come lo vivi oggi vedendolo in onda ?

Si, sono molto felice, ma questa fiction più che come una questione squisitamente lavorativa l’ho vissuta come una grande opportunità di arricchimento umano. Non solo, ora che la fiction va in onda capisco ancora di più di quanto sia stata giusta la mia scelta nell’accettare questo ruolo. Questa opportunità mi ha arricchito molto, partendo dal periodo di preparazione del personaggio di Andrea.

Parlando proprio del lavoro di preparazione del personaggio che hai interpretato, come lo hai affrontato?

Tutti noi ci siamo immersi nel lavoro dei medici di un ospedale, guardando la loro opera quotidiana, il loro approccio con i pazienti, cercando di carpire il più possibile la loro quotidianità. Quindi c’è stato un lungo lavoro nella stesura della sceneggiatura di questa fiction, che doveva fare i conti con un tema medico-sanitario che richiedeva un approccio specifico, che poi abbiamo cercato di ricreare nella realizzazione del prodotto. Sono stati mesi davvero intensi.

Com’era il clima sul set ?

Bello. Si è creato fra di noi davvero un bel clima, abbiamo compreso da subito che stavamo lavorando ad un progetto forte costruito su di una grande storia. Siamo stati pervasi tutti da sensazioni molto positive.

Come hai vestito Luca Argentero di Andrea Fanti ?

Ho visto in lui un uomo profondamente ferito, spaesato, ma che alla fine riesce ad essere un uomo nuovo, rimettendo insieme i pezzi di un puzzle che si era frantumato nella sua testa per diventare qualcosa di meglio rispetto al passato che piano piano affiorava nella sua mente.

Andrea Fanti vive in questa fiction in bilico fra la sua storia personale e quella dei pazienti che transitano nel suo ospedale. Come hai vissuto il lavoro del medico ?

Il lavoro del medico non è solo un lavoro, non è solamente una professione, ma è sopratutto una vocazione, oltre che una passione.

La fiction sta andando in onda in un periodo estremamente complesso per il nostro paese, con la malattia che è entrata prepotentemente nella vita di molte persone in questi giorni. Come pensi sia stata letta questa fiction dagli oltre 8 milioni di telespettatori che la seguono ogni giovedì su Rai1?

Prima di tutto, anche agganciandomi alla risposta precedente, spero che con questa nostra fiction siamo riusciti a rendere merito ed onore ad una professione, quella del medico che sopratutto di questi tempi, pagando un caro prezzo, anche quello della propria vita, sta dimostrando di essere fondamentale per la nostra vita quotidiana. Per quel che riguarda il pubblico, che ringrazio tantissimo per l’accoglienza che ci ha riservato, spero che siamo riusciti ad intrattenerlo in un periodo cosi difficile, regalando loro anche qualche momento di svago e di emozione.

Appuntamento dunque alla prossima stagione con i nuovi episodi su Rai1

Certo. Prima di tutto però appuntamento a stasera con i due ultimi episodi di questo ciclo.