Michele Caruso telefona a Tagadà: "Mio padre ha la febbre a 39". Poi si svela: "Vaff..." (Video)

A Tagadà si parla di coronavirus, con la possibilità per i telespettatori di colloquiare con l'esperto. Michele Caruso si finge Stefano: "Mio padre ha la febbre a 39, temo un contagio". Poi si svela: "Somari, vaffanc..."

Federica Sciarelli è in buona compagnia. Michele Caruso ha colpito ancora e stavolta a farne le spese è stata Tiziana Panella. L’ormai noto disturbatore è riuscito a superare i filtri del centralino finendo in diretta, dove ha potuto parlare direttamente con la conduttrice di Tagadà.

Il programma di La7 da una settimana ha attivato la rubrica ‘All’esperto chiedo’, che oggi vedeva protagonista il professor Pier Luigi Lopalco. A lui il compito di rispondere alle domande dei telespettatori sul coronavirus.

Tutto bene, fino alla telefonata delle 15.20. “Ho mio padre che ha 74 anni – ha esordito Caruso, nei panni dell’inesistente Stefano - soffre di uno stato influenzale. Sembrava lieve, ora ha la febbre oltre i 39. Sono in apprensione e a distanza. E’ venuto anche a contatto con persone del nord, della zona rossa. Temo un contagio”.

Visibilmente interdetti, la Panella e Lopalco hanno continuato ad ascoltare la telefonata, per poi assistere alla classica rivelazione: “Sono Michele Caruso, somari, vaffan*ulo” (video qui, dal minuto 57).

Se il professore non ha mosso ciglio, diverso il discorso per la padrona di casa, alla quale sono serviti alcuni secondi per riprendere in mano la situazione: “Ahhhhhh, è uno scherzo. Meno male, mi stava salendo una certa ansia”.

Ad ottobre, come detto, Caruso era intervenuto a Chi l’ha visto? fingendo di avere informazioni sulla scomparsa della 19enne Anna Cancarini. In precedenza era stata la volta di Tutta SalutePortobello.

  • shares
  • Mail